Utente 121XXX
il 17 di Febbraio del 2009 sono stato operato all'addome per un ganglioma paraortico destro;la sera precedente l'operazione,il chirurgo mi aveva messo in guardia dalla possibilità di avere a posteriori problemi erettivi,ma,una volta effettuata l'operazione,il problema non è stata l'erezione,che obbiettivamente è notevolmente migliorata,ma la mancanza totale di eiaculazione oltre ad una forte colite con aumento di peso corporeo e gonfiore addominale.Ho avuto e sto avendo tuttora rapporti sessuali soddisfacenti dove raggiungo l'orgasmo,che però spesso è anche violento e accompagnato da forti contrazioni addominali.Ho provato a più riprese a contattare il chirugo per avere delle indicazioni post operatorie su come affrontare il problema,ma fino ad adesso senza successo.Vi pregherei di fornirmi indicazioni su quale direzione rivolgermi.Grazie
[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
28% attività
8% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
L'eiaculazione retrograda e i dirturbi che rifrisce sono una conseguenza prevista per questo tipo di interventi e allo stato attuale non ci sono cure per risoverla.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
16% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Caro Utente,e' ancora presto per valutare la riabilitazione in tutto il suo complesso ma ritengo che il chirurgo operatore Le abbia prospettato la
eventualita;' di una eiaculazione retrograda che,al momento,se confermata,non e' suscettibile di ripristino allo stato originario.Cordialita'.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

oltre alle indicazioni ricevute dal collega De Siati che mi ha preceduto, posso dirle che oggi in alcuni casi, ma solo dopo una attenta valutazione andrologica, è possibile riconsiderare alcuni casi di eiaculazione retrograda post-chirurgica.

Comunque, se desidera avere più informazioni dettagliate e precise su questa disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=62527

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com