Utente 231XXX
Gentili dottori,

Sono un ragazzo di 20 anni, che recentemente si è fatto sottoporre ad un intervento di frenulotomia, al fine di risolvere un problema di frenulo corto. L' intervento è avvenuto precisamente 6 giorni orsono, in day-hospital. Vi scrivo per chiedere delucidazioni su un piccolo problema comparso dopo l' intervento. Circa 3 giorni fa , mentre applicavo le medicazioni quotidiane prescrittemi, ho notato un lieve sanguinamento in corrispondenza della ferita nella parte interna del prepuzio, dove prima si trovava l' attaccatura del frenulo. Nei giorni successivi la ferita stessa ha cambiato il suo aspetto, e sembra quasi che si sia riaperta. Dopo l' intervento il suo aspetto era quello di una piccola crosticina marrone scuro, adesso invece ha un aspetto più "umido" ed è ricoperta da del sangue che sembra non coagulare mai. Il sannguinamento è sempre presente e sempre estremamente lieve. Talvolta stimolazioni del prepuzio, come la scopertura del glande, lo accentuano un po'. Premetto che da dopo l' intervento non ho ancora avuto rapporti sessuali, nè sottoposto il pene ad altre forme di "sforzo". Inoltre, l' unico farmaco applicato come medicazione, è stata la pomata a base di acido fusidico prescrittami dal medico operante. E' forse il caso di preoccuparsi?

Vi ringrazio in anticipo per le risposte. Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
non credo sia il caso di preoccuparsi: dalla descrizione è possibile pensare ad una porzione relativa al taglio chirurgico che sta seguendo il suo decorso (la ricostituzione tissutale prevede un'alterazione dele fibre elastiche e del collagene quindi meno elasticità = più facilità alla ragadizzazione)e/o al limite si è anche sovrainfettata:
le consiglio di rideterminarsi con l'uroogo che l'ha operata per una valutazione e magari la sostituzione dell'acido fusidico in crema, con qualche antimicrobico più "essiccante" (eosina acquosa etc.)
Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
le consiglierei di farsi rivalutare dal collega urologo che l'ha operata è verosimile esito cicatriziale dell'intervento
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
sicuramente il Chirurgo che ha proceduto alla frenulotomia Le avrà prenotato delle visite di controllo post operatorie vero? Se così non fosse, ma mi sembrerebbe strano ed oltremodo anomalo, lo consulti Lei di Sua iniziativa per metterlo al corrente di quello che Le sta capitando. E' il minimo.
Auguri affettuosi sia per la pronta risoluzione del problema e sia per un sereno Natale ed un felicissimo Nuovo Anno.
Cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO