Utente 826XXX
Vorrei sapere se il ripristino del ritmo sinusale in una persona con fibrillazione atriale cronica puo' aumentargli l'aspettativa di vita come durata rispetto a tenersi la fibrillazione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:

Di per sè basterebbe controllare la frequenza cardiaca, mantenendola in un numero di battiti al minuto di circa 70-80 battiti per non avere problemi.
Il brutto della fibrillazione atriale e che predispone alla formazione di coaguli di sangue all'interno del cuore che se dovessero "viaggiare" e otturare un qualsiasi vaso arterioso darabbero grassi problemi. pertanto, in assenza di congtroindicazioni, in genere il paziente in fibrillazione atriale o che ha avuto ripetuti episodi di fibrillazione atriale viene sottoposto terapia anticoagulante che, d'altro canto, espone ad un maggiore rischio di emorragie. Questo è il motivo per cui è preferibile (dopo adatto periodo si efficace trattamento anticoagilante) far passare la fibrillazione atriale o con foarmaci o con una piccola scarica elettrica (tecnica cosiddetta di cardioversione).
Spero di essere stato sufficientemento chiaro.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  


dal 2010
Intendevo chiedere riguardo le aspettative di vita di uno che rimane in fa con terapia anticoagulante a confronto con uno che con ablazione e' riuscito a ripristinare il ritmo sinusale,lo chiedo perche' ho letto su qualche sito che in un gruppo di controllo di tot di persone con fa cronica piu' insufficienza cardiaca nel giro di 5 anni il 70% e' deceduto,quindi e' emerso che e' una patologia predittrice di morte,faccio presente che non ho questa patologia ma e' un mio conoscente che comunque non leggera' la risposta
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente.
E' lo scompenso cardiaco che in associazione alla FA presenta quei dati, la fibrillazione atriale da sola non ha sicuramente quella mortalità a 5 anni.
E' sempre comunque meglio il ritmo normale per cui qualsiasi intervento volto a ripristinare il ritmo normale, in assenza di controindicazioni, è auspicabile.
A disposizione per ulteriori consulti
[#4] dopo  


dal 2010
Pero'lo scompenso cardiaco e l'insufficienza cardiaca non sono la stessa cosa?
[#5] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Appunto, e' l'insufficienza cardiaca ( o scompenso) ad avere un grosso effetto sulla aspettativa di vita e non tanto la fibrillazione atriale