Torna a Medicitalia.it oppure fai il LogIn     

Ultimi aggiornamenti da Medicitalia:

Feed RSS Dr. Giampiero Griselli

torna alle news
 

Alopecia areata: quando trattare e con quali prospettive terapeutiche?

 Dermatologia e venereologia - News generale del 25/09/2011 - 2398 visite

L'alopecia areata è una di quelle patologie che più frequentemente mettono a dura prova il dermatologo. Innegabilmente  si tratta di una malattia in cui  la rapida caduta di capelli,e di peli, crea effetti importanti sull'aspetto estetico e sul vissuto emotivo del paziente.  E in questi casi vi può essere una angosciosa ricerca del risultato, con pellegrinaggi dei pazienti tra vari studi medici.

Sulla base della esperienza si può dire che , pur non esistendo un protocollo generalmente seguito da tutti gli specialisti, è sensato parametrare la invasività della terapia con la gravità della estensione della alopecia

 

Quadri obiettivi con alopecia maggiore del 30-40%,  esordio in età infantile, durata oltre l'anno, segni di alterazioni ungueali, familiarità positiva, atopia , diffusione ad altre aree pelose oltre il capillizio, sono segni prognostici piuttosto negativi, e  meritano  terapie  incisive (terapie sensibilizzanti, corticosteroidi  ,anche intralesionali, antralina topica ad alta concentrazione, minoxidil topico,sedute di crioterapia, rubefacenti, ciclosporina, etc).

Quadri di alopecia areata minima (10-20%), che non hanno i precedenti fattori di rischio, presentano una buona probabilità di ricrescita spontanea nel giro di 1 anno (circa il 50%), che va quindi solo "aiutata" e non "forzata" con eccessiva aggressività.

 

Bisogna comunque tenere presente una piccola percentuale di "non responder" , per i quali l'accanimento terapeutico non è utile.

Anche in questi casi molto si può fare , sia in termini di supporto psicologico che in termini estetici. Per questo ultimo aspetto bisogna rimarcare come il medico  (e lo stesso paziente a volte) sia spesso restio a consigliare l'applicazione di parrucche (protesi tricologiche).

Teniamo presente invece come in molte regioni queste siano concesse dal SSN, quale riconoscimento di efficacia sul benessere psicofisico della persona.

 


Altri articoli di Dr. Giampiero Griselli:

Commenti alla news:

Aggiungi commento


Clicca qui per accedere con il tuo utente oppure registrati gratuitamente per commentare.

 

L'autore ha scelto le seguenti regole per commentare questa news:
O [commenti AMMESSI da parte dei professionisti iscritti]
O [commenti AMMESSI da parte degli utenti]


 

Condizioni di utilizzo
MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento, sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il medico curante. No al fai da te: affidati sempre al tuo medico di fiducia.

Autori e copyright
Per partecipare a Medicitalia ogni professionista invia la documentazione della propria abilitazione professionale.
Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti.
E' vietata la riproduzione e la divulgazione, anche parziale, senza autorizzazione scritta.

Dichiarazione di conformità alle linee guida emanate dall'Ordine:
Il sottoscritto Dr. Giampiero Griselli dichiara che il messaggio informativo contenuto nel presente sito è diramato nel rispetto delle linee guida approvate dalla FNOMCeO inerenti l’applicazione degli artt. 55, 56 e 57 del Nuovo Codice di Deontologia Medica.