Dormire accanto ai propri figli potrebbe significare, per un padre, andare incontro a livelli più bassi di testosterone. La ricerca è stata pubblicata ieri sulla rivista PLoS ONE.

Il livello di testosterone nei padri era già stato messo in correlazione inversa con i comportamenti di accudimento genitoriale in varie specie animali, ossia i livelli più alti di testosterone si riscontrano a fronte di un minor livello di coinvolgimento genitoriale.

L’autore leader di questo studio, Lee Gettler, dell’Università di Notre Dame, ha studiato 362 padri nelle Filippine per determinare se le modalità relative al dormire - ad es. dormire sulla stessa superficie dove dormono i figli, nella stessa stanza o in una stanza separata - fossero correlate ai livelli di testosterone.

I ricercatori hanno trovato che una prossimità ravvicinata fra padri e figli durante il sonno si associava a diminuzione nei livelli di testosterone, via via che gli uomini diventavano padri, e che tali livelli erano globalmente inferiori rispetto ai padri che dormivano in stanze separate dai figli.

Fonte:
L.T. Gettler, J.J. McKenna, T.W. McDade, S.S. Agustin, C.W. Kuzawa. 2012. Does Cosleeping Contribute to Lower Testosterone Levels in Fathers? Evidence from the Philippines. PLoS ONE.