Disturbi cognitivi e anestesia?

Dr. Anna Maria MartinData pubblicazione: 19 gennaio 2014Ultimo aggiornamento: 01 febbraio 2014

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Nella pratica clinica degli Anestesisti Rianimatori si verifica con una certa cadenza di osservare il manifestarsi di disturbi cognitivi nell'immediato postoperatorio specie di pazienti anziani.

Nella maggioranza dei casi il disturbo si risolve in qualche giorno e/o settimana, e solo in alcunl casi si stabilizza, cronicizzandosi in una forma di demenza (POCD).

Certe specialità chirurgiche, come Ortopedia ed Urologia, sembrano più frequentemente gravate da questi disturbi postoperatori, e questo perché l'età media dei candidati all'intervento è più avanzata.

Le cause che determinano l'insorgere di questi disturbi cognitivi, non sono completamente certe, esistono tuttavia diversi fattori considerati di rischio:

  1. L'età avanzata (come già detto) e preesistenti forme di demenza senile misconosciute e/o sottovalutate e quindi non riferite ai medici,
  2. Predisposizione genetica,
  3. Interventi lunghi e complessi con anestesie parimenti complesse,
  4. Dolore da ferita chirurgica e stress,
  5. Episodi di ipossia intraoperatoria, come può accadere a seguito di sanguinamento chirurgico rilevante ed ipotensione,
  6. Anestesia inalatoria: alcuni studi controversi condotti su animali hanno infatti dimostrato un possibile effetto neurotossico degli Alogenati (Alotano). Journal of Experimental Medicine,
  7. Infine, alcuni recenti studi Giapponesi hanno dimostrato come, in pazienti operati e ricoverati in ICU e che manifestavano forme di disturbo cognitivo, ci fossero livelli di  Melatonina più bassi che nei pazienti, parimenti operati e ricoverati in ICU, ma che non manifestavano le medesime alterazioni cognitive.

http://www.linkedin.com/groupItem?view=&gid=162388&type=member&item=5808562417398984705&qid=e2cad993-1912-4a28-a011-6acbe98f0688&trk=groups_items_see_more-0-b-ttl

Non esistono al momento attuale indicazioni univoche che ci possano orientare con certezza in questi casi, anche se riveste molta importanza:  

  1. Una attenta valutazione preoperatoria delle condizioni cognitive base dei nostri pazienti,
  2. La prevenzione ed il controllo dei fattori di rischio

Farmaci neuro protettori da usare in prevenzione ed in terapia sono tuttora allo studio.

Fonte: http://www.univadis.it/editoriali-normativa/Deterioramento-cognitivo-dopo-intervento-chirurgico 

Autore

annamariamartin
Dr. Anna Maria Martin Anestesista

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1976 presso La Sapienza Roma.
Iscritta all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 23615.

4 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche anestesia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Anestesia e rianimazione?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.