zecca

Attenti alle zecche!

Dr. Giampiero GriselliData pubblicazione: 08 maggio 2012Ultimo aggiornamento: 09 aprile 2021

Primavera, tempo di passeggiate nei prati e boschi. Magari con i propri cani. Un quadro rilassante ed apparentemente sicuro.

Ma, come tutti gli anni, ci si trova a fronteggiare il pericolo delle zecche, antipatici acari che, essendo ematofagi (si nutrono di sangue), possono pungere noi e i nostri amici quattrozampe.

Il corpo delle zecche può contenere così tanto sangue da farle aumentare di volume di oltre 10 volte! E, purtroppo, possono veicolare malattie batteriche come rickettiosi, brucellosi, encefaliti, tularemia, etc. 

Difatti se si è stati morsi da una zecca si consiglia un controllo medico a distanza di una decina di giorni per escludere queste temibili complicanze.

Ma come prima manovra sarà opportuno staccare l'animale!

Teniamo presente che l'apparato succhiatore di questi acari è conformato in modo da attaccarsi tenacemente all'epidermide, facendo si che, una volta inserito, non sia rimuovibile con la trazione.

Per staccarla si sconsiglia di applicare olio, vaselina o altre pomate o unguenti, grassi, che tendono a soffocare la zecca perché l'insetto agonizzante potrebbe emettere i propri fluidi salivari, potenzialmente infetti, in quantità ancora maggiore. 

Il modo corretto per togliere la zecca è di afferrarla con una pinza (ne esistono apposite in commercio) e con un rapido movimento ruotare ed estrarre l'insetto possibilmente intero.

Una volta rimosso l'animale si può disinfettare la puntura.

Se non si è sicuri di saper fare l'operazione nel modo corretto si può sempre andare in pronto soccorso.

Coraggio!

Autore

giampierogriselli
Dr. Giampiero Griselli Dermatologo, Medico estetico

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1990 presso bologna.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Ferrara tesserino n° 3231.

6 commenti

#1

Un piccolo consglio: "In montagna, nei boschi, sui prati è sempre meglio andare con pantaloni lunghi, o almeno con calzettoni per coprire le gambe!" Riduci il rischio di punture.
Pierluigi

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche zecca 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati