Omeprazolo e magnesio: un altro effetto collaterale pericoloso

Dr. Andrea FavaraData pubblicazione: 11 settembre 2012

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Un dato importante su un pericoloso effetto collaterale di omeprazolo e magnesio ci arriva da un lavoro recentemente pubblicato.

Gli inibitori di pompa protonica sono comunemente utilizzati nella terapia di tutte le malattie correlate ad un’ ipersecrezione acida da parte dello stomaco.

In letteratura viene segnalato un numero piccolo ma in aumento di pazienti nei quali i livelli ematici di magnesio sono troppo bassi per effetto di assunzione prolungata di inibitori di pompa protonica.

Il meccanismo molecolare alla base di questo fenomeno non è stato identificato  ma sembrerebbe correlato ad una ridotta capacità di assorbimento del magnesio da parte dell’ intestino.

Nei casi osservati il fenomeno  è comparso in genere dopo assunzione prolungata del farmaco, mediamente 5 anni con estremi però variabili tra 14 giorni e 13 anni.

In tutti i casi alla sospensione del farmaco la magnesiemia è rientrata nei valori normali e si è nuovamente ridotta in caso di ripresa della terapia.

Somministrando a questi pazienti un antiH2, ovvero un farmaco della classe della cimetidina per inibire la secrezione acida non si è osservato alcun effetto sulla magnesiemia

L’ ipomagnesiemia è una condizione potenzialmente seria e si manifesta con tetano, crisi convulsive,aritmie cardiache e ipocalemia secondaria.

Lo studio ha osservato 36 casi citati in 18 articoli apparsi in letteratura dal 2006, i pazienti erano sia maschi sia femmine di età variabile e nel 75% dei casi l’ inibitore di pompa assunto era l’omeprazolo.

Questo effetto collaterale peraltro si è osservato anche dopo assunzione di altri farmaci quali gentamicina, ciclosporina e cisplatino ed il numero di casi identificati è piccolissimo rispetto ai pazienti che assumono il farmaco, tuttavia è pur vero che molti casi potrebbero non essere stati riconosciuti essendo giunti all’ attenzione solo quelli con una sintomatologia severa tale da porre il sospetto e condurre ad un dosaggio della mangnesiemia.

In conclusione gli Autori suggeriscono di dosare periodicamente il magnesio in pazienti che assumono cronicamente inibitori di pompa, prestare particolare attenzione ad eventuali sintomi e nei casi identificati sospendere la somministrazione del farmaco e sostituirlo eventualmente con un derivato della cimetidina.

 

M.W. Hess et al, Alim Pharm Ther, 2012;36 (5): 405-413

Autore

andreafavara
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Universita' Studi Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 31610.

23 commenti

#1
Dr. Maurizio Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini

ho un caso ricoverato proprio in questi giorni di ipomagnesemia grave ed ipocalcemia, verosimilmente legati al IPP.
Come sempre segnalazioni importanti. Grazie

#3
Utente 253XXX
Utente 253XXX

buonasera,
assumo da 3 anni esomeprazolo 20mg 1 volta al giorno...
non ho capito se questi ipp causano mancanza di magnesio in tutti i casi o soltanto una parte di pazienti?
Dovrei chiedere al mio medico curante di farmi scrivere esami del sangue per il magnesio?

#5
Dr. Andrea Favara
Dr. Andrea Favara

Buonasera, nel lavoro i casi identificati sono pochissimi rispetto alla totalita' dei pazienti che assumono il farmaco. Nei pazienti che lo assumono da anni come lei potrebbe essere indicato un dosaggio del magnesio mediante un semplice prelievo di sangue.

#6
Utente 253XXX
Utente 253XXX

grazie dott.Favara sempre molto gentile.

#8
Utente 127XXX
Utente 127XXX

sono circa 18 anni che assumo in periodi piuttosto lunghi ipp da 40mg le chiedo quindi come si manifesta la mancanza di magnesio nel nostro organismo e cosa è l,ipocolemia secondaria.le chedo ancora se il passaggio alla cimetidina deve essere valutato dopo anlisi specifiche.specifico che prendo il lucen.grazie dott.favara delle sue importanti informazioni

#9
Dr. Andrea Favara
Dr. Andrea Favara

I sintomi della carenza di magnesio sono quelli sopra indicati oltre a
stanchezza, astenia, irritabilità, nervosismo, ansia, debolezza muscolare e crampi.L ipocalcemia significa carenza di calcio.
La modifica eventuale di terapia va decisa ovviamente dal medico che la segue ed in genere il farmaco piu' utilizzato tra i derivati della cimetidina è la ranitidina. Prego.

#10
Utente 127XXX
Utente 127XXX

grazie dott.favara,le chiedo ancora una cosa,può ipp alterare la funzione epatica,ho ritirato le analisi e ho sballato i seguenti esami:linfociti3'9 piastrine407 ves27 urea enzimatico52 colesterolo282 LDL202 HDL 40 trigliceridi266 GPT\ALT39 il resto tutto nella norma,ho una alimentazione abbastanza attenta,premettto che martedi portero i risultati al mio medico,ma sarei contenta di una sua delucidazione in merito,il mio peso è aumentato propio in 17 anni di cura con ipp grazie per le sue risposte

#11
Utente 273XXX
Utente 273XXX

Buonasera Dott. Favara.
Di recente mi è stato prescritto l'omeprazolo per la durata di sei mesi, ultamente sentendo un pó stanco e con difficoltà nel dormire ho pensato di acquistare il Magnesio in capsule.
Assumendo contemporaneamente il farmaco e il magnesio rischio qualche effetto colleterale?
La salute e la ringrazio anticipatamente.
Saluti

#12
Dr. Andrea Favara
Dr. Andrea Favara

No, non credo ma concordi la terapia col suo medico.Prego

#14
Utente 442XXX
Utente 442XXX

12 anni di gastroprotettori e a 40 anni ho sviluppato una forma di demenza. Per salvare il sistemo gastroenterico ho rovinato il cervello. Neanche tanto poi perché cmq l'ulcera è ancora presente. Complimenti alla medicina tutta ed alle case farmaceutiche

#15
Utente 178XXX
Utente 178XXX

Salve dottore.
Prendo da più di un anno Entocir sei mg. dei e Pantorc 20 mg. per un Crohn. Il Magnesio ha cominciato di recente ad abbassarsi prima attorno ad 1,6, poi 1,2, adesso è a 0,98. Soffro già di osteoporosi severa con rischio fratture spontanee. Il mio gastroenterologo mi ha consigliato di prendere a giorni a,Terni il Gastroenterologo protettore e vedere come va. Cosa mi consiglia lei? Ho letto di quel farmaco che si potrebbe prendere al posto del Gastroenterologo protettore. Cosa consiglia?
Grazie

#16
Utente 178XXX
Utente 178XXX

Salve dottor Favara.
Riscrivo il quesito per i troppi errori. Chiedo venia.
Prendo da più di un anno Entocir 6 mg. die e Pantorc 20 mg. come gastro protettore come terapia per un Crohn prurì operato in colectomia totale e varie resezioni di ileo. Il magnesio ha cominciato di recente ad abbassarsi prima attorno ad 1,6, poi 1,2, adesso è a 0,92 mg./dl. Soffro già di osteoporosi severa con rischio fratture spontanee. Il mio gastroenterologo mi ha consigliato di prendere a giorni alterni il gastro protettore e vedere come va. Cosa mi consiglia lei? Mi sento perennemente stanco, senza forze, non riesco più a concentrarmi. Ho letto nell’articolo di questo farmaco l’antiH2, che si potrebbe prendere al posto del gastro protettore. Cosa mi consiglia?
Eventualmente a che dosaggio dovrei prenderlo io per sostituire il Pantorc da 20 mg.? Per favore mi aiuti... sono in confusione totale...
Grazie anticipate.

#17
Utente 178XXX
Utente 178XXX

Dottor Favara ancora un dato vorrei aggiungere. Anche il livello del calcio prima a 8.7 mg/dl adesso è sceso a 7,6 mg/dl.
Per la mia osteoporosi non è una cosa positiva... giusto?
Grazie ancora.

#18
Dr. Andrea Favara
Dr. Andrea Favara

Certo puo' valutare l' assunzione di ranitidina ma va fatto da parte di chi la segue. Prego.

#19
Utente 496XXX
Utente 496XXX

Dottore se le dico che mi ha illuminato ? Solo un medico mi aveva accennato una cosa del genere ma non mi ha spiegato nel dettaglio e poi aveva escluso determinate cause tra qui questa. Ora Ho smesso di prendere i prazoli e sto nettamente meglio e la tachicardia e' quasi del tutto scomparsa, incluse le extrasistoli.
Pero' mi sorge un dubbio, la Famotidina puo' avere gli stessi effetti? Prima prendevo la ranitidina ma da come ha certamente sentito e' stata ritirata per accertamenti, e il farmacista mi ha detto di questo farmaco alternativo...un suo parere?

#21
Utente 566XXX
Utente 566XXX

Buonasera dotto Favara, anch'io uso esopremazolo 1 compressa da 40mg al mattino e 1 compressa di ranitidina la sera, ma nessuno mi aveva accennato degli effetti dannosi.
Ora ho sentito parlare della Famotidina, può sostituire esopremazolo senza effetti collaterali? Grazie

#23
Utente 566XXX
Utente 566XXX

Grazie per la risposta, quali sono le controindicazioni?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Gastroenterologia e endoscopia digestiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.