Recupero della fertlità dopo la sospensione della contraccezione ormonale

Dr. Nicola BlasiData pubblicazione: 22 gennaio 2012

Le voci che accusano i contraccettivi ormonali (pillola,cerotto, anello vaginale) di provocare una infertilità permanente o, peggio malformazioni fetali sono ancora comuni ,tanto da danneggiare i programmi di pianificazione familiare, questo per le "famose leggende metropolitane" sulla pericolosità dei contraccettivi ormonali.
Di fatto, proteggendo contro la MALATTIA INFIAMMATORIA PELVICA (PID) i CO effettivamente salvaguardano la fertlità futura.

 

I dati sicuri sono questi:

1. le percentuali di concepimento sono più basse solo nei primi tre mesi.

2. dopo tre mesi dalla sospensione, la percentuale di concepimento è la stessa delle donne che non usano estroprogestrinici.

3. entro 12 mesi dall'interruzione dei CO il 75-97 % delle donne che desiderano concepire hanno ottenuto una gravidanza.

4. Nè la durata d'uso dei CO , nè il tipo di formulazione (monofasica,trifasica alto o basso dosaggio) assunta influenzano il ritorno alla fertilità.

 

Il ritardo nel concepimento è minore con l'uso della minipillola e, forse, anche con gli impianti che liberano ormoni.

Autore

blasinicola
Dr. Nicola Blasi Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976 presso Università di BARI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 4485.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.