L'importanza del dialogo nella coppia

Dr.ssa Monica CappelloData pubblicazione: 10 settembre 2014

Il silenzio all’interno di una coppia è molto dannoso. La difficoltà ad esprimere gli stati d’animo e a gestire verbalmente il rapporto con il partner, conduce a uno stato di disagio psicologico che può portare alla rottura della relazione, ma può anche provocare lo sviluppo di disturbi psicosomatici. Il più comune è il mal di testa, che spesso non è solo una scusa per evitare il partner, ma un dolore reale. Sono frequenti anche i disturbi del sonno, i dolori muscolari, l’aumento della pressione arteriosa e i disturbi gastrointestinali.

Tutto questo è causato dallo stress: il ripetersi di situazioni in cui aleggia il “non detto”, provoca un accumulo di ansia o rabbia represse, che innescano il rilascio degli ormoni dello stress.

Il silenzio che fa male, non va misurato semplicemente dal numero di parole, ma dalla capacità di comunicazione reale che esse esprimono.

Non dimentichiamo che un dialogo si fonda sia sul dire sia sull’ascoltare. Non bisogna mai pensare di conoscere perfettamente l’altra persona, pensando di sapere “com’è fatto/a”, ma provare a mettersi nei panni dell’altro, resistendo alla tentazione delle ripicche.

E’ necessario evitare le polarizzazioni, pensando che tutte le ragioni siano da una parte e tutti i torti dall’altra! Inoltre, quando si fa qualche osservazione è più utile criticare il comportamento, non la persona, evitando gli apprezzamenti sarcastici e svalutativi.

Un altro aspetto importante, è quello di evitare le assolutizzazioni: “fai sempre così”, “non mi ascolti mai”, sono frasi che danno per scontato che tutto sia immutabile, senza lasciare spazio a possibili evoluzioni, troncando quindi ogni tipo di comunicazione.

In conclusione, ricevo spesso nel mio studio, coppie che lamentano disfunzioni sessuali, e che durante la consulenza ammettono di non aver avuto mai un buon dialogo, e che molti aspetti importanti sono stati tralasciati, per un’eccessiva difficoltà nell’esprimere i propri stati d’animo. In molti casi, queste coppie non si conoscono bene, anche dopo molti anni di relazione (convivenza o matrimonio), e manifestano evidenti difficoltà nel parlare apertamente degli aspetti, che hanno dato per scontato e non hanno mai approfondito, nel corso degli anni. Il percorso psicosessuologico ha l’obiettivo di migliorare la conoscenza reciproca, approfondendo diversi aspetti della relazione affettivo-sessuale, favorendo così un dialogo costruttivo tra i due partner.

Autore

monicacappello
Dr.ssa Monica Cappello Psicologo, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 1999 presso Universita degli Studi di Torino.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Piemonte tesserino n° 3349.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test