x

x

Ipocondria suggerimenti video

Ipocondria: suggerimenti fondamentali

Dr. Armando De Vincentiis Data pubblicazione: 15 giugno 2022

Nelle sessioni precedenti sulla professione ipocondriaco abbiamo visto come, dal nulla, un ipocondriaco possa cominciare un percorso di vera e propria costruzione di una malattia a tal punto da viverla come se fosse reale.

Proviamo a tracciare quali sono le regole d'oro per evitare di cadere nella trappola.

  1. non cercare su internet i sintomi di una malattia che sospetti;
  2. non cercare le possibili cure della presunta malattia che hai trovato su internet;
  3. non mettere in atto azioni per placare l'ansia: ricerca rassicurazioni, compulsioni... (peggioreresti il problema)
  4. mettiti in una posizione di attesa, vedrai che l'ansia comincerà a placarsi da sola;
  5. (molto banalmente) chiedi solo al tuo medico.

Guarda il video

Autore

a.devincentiis
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta

Laureato in Psicologia nel 1996 presso Università La sapienza di Roma .
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Puglia tesserino n° 1371.

1 commenti

#1
Utente 662XXX
Utente 662XXX

Il problema sono che i sintomi e le diagnosi cercano te. Vedrai pubblicità su facebook, articoli che ti suggeriscono diagnosi al tuo problema. Questo perché ormai non c'è privacy e sembra che anche i microfoni ascoltino e registrino quello che dici.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche ipocondria 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio

Contenuti correlati