x

x

Senso di colpa

Senso di colpa: è giusto parlarne con il partner?

Dr. Giuseppe Santonocito Data pubblicazione: 23 agosto 2022

Mai nascondere la verità o mentire, è questo che ci insegnano fin da bambini: ma è sempre giusto riferire al partner il proprio senso di colpa per qualcosa che abbiamo commesso a sua insaputa, anche se si tratta di un comportamento innocuo?

Se ci si sente così in colpa il desiderio di raccontare la verità può essere solo un tentativo di scaricare sul partner un peso che non riusciamo a sopportare. Si tratta in realtà di un atto di grande egoismo: infatti, è bene risolvere questo problema da soli per assumersi le proprie responsabilità.

Pensare che le sensazioni sgradevoli debbano essere eliminate e sfogate in qualche modo è solo un mito: i sensi di colpa si possono tenere dentro e lasciare che si esauriscano da soli.

Un caso pratico di senso di colpa

Autore

giuseppesantonocito
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta

Laureato in Psicologia nel 2005 presso Università di Firenze.
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Toscana tesserino n° 4612.

3 commenti

#2
Ex utente
Ex utente

Articolo interessante, tuttavia non concodro con un punto.
Faccio un semplice esempio: il tradimento, che crea il dubbio amletico per antonomasia "dirlo o non dirlo"?
Beh, posso dire che da tradito vorrei saperlo. Il rendemi partecipe di un fatto anche sbagliato mi ri-mette in mano le redini della situazione: sarò io a poter decidere cosa ne penso e se perdonare. L'essere invece all'oscuro lo vedo come un atto meschino del mio partner che mi porterebbe al sicuro rigurgito della sua persona. Non potrei elaborare un perdono invece possibile.
Anzi, sinceramente per come sono io (e quindi come si vede, non sempre la risposta giusta è tacere) è ben più egoistico non dire nulla, perché lascerebbe le cose come stanno non dando la possibilità di reagire a una persona come meglio crede.
Lo trovo un comportamento vile e immaturo di chi compie l'atto per cui sente una colpa, perché a lui piace quel tipo di vita e cerca di perpetuare nello stare così anche sotto mentite spoglie.

#3
Dr. Giuseppe Santonocito
Dr. Giuseppe Santonocito

Ok, ma altri non sarebbero di questo avviso.

"L'importante è non saperlo" mi disse una volta un caro amico in proposito. "Io non credo che mia moglie mi tradirà mai, ma nel caso, preferisco non saperlo". Un'altra amica, prima di sposarsi disse al suo futuro marito: "So che voi uomini, ogni tanto, avete bisogno delle scappatelle. Ma caso dovesse succedere, fa' in modo che non lo venga mai a sapere".

Poi siamo tutti d'accordo che, se non succede, è meglio.

Più in generale, quindi non solo riguardo ai tradimenti, ci sono invece persone che ritengono che bisogna dirsi tutto. Sono da condannare? Ovviamente no.

Ma il punto è che l'essere umano 1) è imperfetto e sempre passibile di cadere in errore; 2) ha una certa avversione a dover gestire le verità sgradevoli.

Metti insieme questi due fatti e capisci perché non sempre la trasparenza al 100% è la strategia migliore, nei rapporti fra persone.

Tant'è vero che i bambini imparano presto a "modulare" la verità. Persino gli animali mentono.

Se nessuno mentisse mai, in alcun modo, sarebbe un mondo invivibile.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche senso di colpa 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario e la vendita diretta di prodotti del Titolare e/o di altre società del gruppo CompuGroup Medical SE & Co. KGaA nonché lo svolgimento di indagini di mercato e questionari di customer satisfaction.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.