Disfunzione erettile di origine organica

Gentili dottori,
di seguito una domanda forse un po "particolare", ma è per capire, o meglio poter distinguere la disfunzione erettile di origine organica da quella di origine psicogena.

In linea di principio, si possono escludere cause di origine organica quando, magari stando da soli, non si ha problema ad avere l'erezione (sia dal punto di vista della durata che della qualità), contrariamente a quando invece si sta con la propria compagna e i problemi si presentano?

Grazie
[#1]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Caro signore non è vero assolutamente niente la diagnosi differenziale non si fa sulla base dei sintomi ma sulla base dei progetti e dei fattori di rischio fumo alcol obesità sedentarietà colesterolemia e sulla base della storia clinica interventi chirurgici malformazioni e via così
[#2]
dopo
Utente
Utente
La mia domanda (che è una domanda, non un affermazione) si colloca un attimo prima di arrivare alla diagnosi, ovvero...in una situazione descritta sopra, conviene rivolgersi prima all' andrologo, o al sessuologo clinico?

Cordiali saluti
[#3]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Medico gli psicologi non sono in grado di fare diagnosi differenziale
[#4]
dopo
Utente
Utente
Quindi, anche nel momento in cui il paziente dovesse manifestare o comunque attribuire il deficit ad una componente ansiogena reale, è comunque bene andare prima dall' andrologo e poi dal sessuologo?
[#5]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Bravo
[#6]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio.
Approfitto per chiedere qual'è il sito di riferimento da consultare per trovare l'andrologo più vicino.

cordiali saluti.
[#7]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
O il nostro o quello della società italiana di andrologia
[#8]
dopo
Utente
Utente
Ok perfetto, un ultima domanda:
se un andrologo nello specifico non compare (quindi presumo non iscritto) sul sito della società italiana di andrologia, può ritenersi "sicuro"? (nel senso di competenza)

Grazie
[#9]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Ev si informi dal medico di base

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio