Utente 496XXX
Buongiorno,
Perché nella maggior parte dei reparti di TIPO gli orari di visita sono molto più restrittivi che negli altri reparti di Terapia Intensiva?
Anche noi familiari viviamo una situazione stressante e sapere che, ad esempio al San Raffaele, per un intervento cardiochirurgico al mattino, è possibile vedere il proprio familiare solo la sera dopo è stato per la moglie stressante. Capisco i rischi, le infezioni e anche che la maggior parte dei pazienti viene stabilizzata e poi trasferita nel giro di un paio di giorni.... ma francamente ci è parso esagerato.
Si parla di umanizzazione delle cure, di collaborazione tra medici parenti e pazienti e poi dei familiari sembra importi davvero poco.
La nostra situazione è stata tranquilla fortunatamente ma lo stress vissuto dalla signora ha avuto comunque delle conseguenze.

[#1] dopo  
Dr. Guido Guasti

24% attività
20% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2017
Comprendo ampiamente le vostra siotuazione di stress, prima o poi è capitato anche a noi “addetti ai lavori” di trovarci nella vostrra situazione.
I pensieri che abbiamo fatto e lo stato di impotenza che avete provato, li abbiamo fatti e provati anche noi. Tuttavia, a parte che ogni azienda ospedaliera ha proprie linee di comprtamento in queste situazioni, ritengo sia significativo che le cose vadano nel verso giusto e in tempi idonei rispetto al disagio che ciò può creare ai familiari. Soprattutto in cardiochirurgia un'infezione può causare un cataclisma talvolta mortale per il paziente ricoverato in TIPO. Certo, un'attesa di 12 ore, è tollerabile in regime di TIPO, non sarebbe praticabile in corso di ricovero intensivo prolungato (Rianimazione) ove il paziente può rimanere ricoverato a volte anche per mesi. Sono contento che il vopstro caso si sia concluso positivamente.
GG
Dr. GUIDO GUASTI