Utente
Buongiorno, sono una donna di 57 anni, ipertesa da alcuni anni in terapia con prictor 40 e limpidex da 15 per piccola ernia iatale e . Familiarità per BPCO Eseguita tac nel 2015 dove veniva repertata iniziale BPCO ( ma si vede dalla tac?) :parenchima polmonare presenta iniziali segni di broncopneumopatia cronica ostruttiva con ispessimento delle pareti bronchiali ed ectasia dei bronchi terminali.
Eseguita quindi sempre nel 2015 spirometria globale con valori tutti nella norma. RIeseguita pochi giorni fa spirometria semplice , e valori ancora sempre nella norma. ( ma la bpco allora c'e o non c'è?) Non fumo più da un paio di anni.
IN seguito a sensazione di continua tachicardia , senso di dispnea sia da ferma che per piccoli sforzi effettuo anche visita cardiologiaca di cui posto il referto.
EO: ACR normofrequente, Toni parafonici PA 135/95
ECG: RS, FC 77 bpco. PR e QTc nei limiti. ST isoelettrico
ECOCARDIOGRAMMA
Radice aortica ed ascendente 36 e 33 mm Aorta nei limiti
Valvola aortica con cuspidi normomobili, non rigurgito
Atrio sin non dilatato, 16 cm2
Setto interatriale integro
MItrale lieve IM con lembi fibrotici
Ventricolo sinistro non dilatato, non asinergie regionali, non ipertrofia: VTD 120 mL; VTS 45 mL.
SIV 12.5mm PP 9 mm FE 65%
Sezioni dx non ingrandite. TAPSE= 24 mm. FAC=0.40 IT di grado lieve. PAPs lievemente aumentata, 45 mm Hg.
Pericardio libero
ECO-TSA IMT =0.12
COnclusioni:
reperti indicativi di lieve cardiopatia ipertensiva in soggetto obeso ( altezza 170 80kg) e con iniziale BPCO
Associare alla terapia Isoptin 120 mg 1 cp ore 14.

Domanda è normale considerare lieve una PAPs di 45 mm?
Potrebbe questo referto giustificare dispnea e tachicardia?
E' possibile porre diagnosi di BPCO attraverso diagnostica di immagini nonostante spirometrie negative?
Dimenticavo di dire che la notte russo e ho frequenti risvegli con appunto tachiacardia ( apnee?)
Alla luce di tutto ciò chi è il responsabile della mia situazione clinica? Il cuore o i polmoni?
Con una PAPs di 45 consiglia ulteriori controlli?
RIngrazio anticipatamente per la vostra gentilezza e per il supporto che ci date tramite questo ottimo servizio.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il valore di pressione polmonare calciolata e' lievemente aumentato.
Questo puo' essere dovuto alla pregressa abitudine al fumo che ha rovinato l'interstizio polmonare ed al suo sovrappeso.

Tale valore di per se' non e' preoccupante ma va controllato annualmente

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio della tempestiva risposta......ma mi premeva sapere se la tachicardia e il senso di affanno erano imputabili alla pressione polmonare.......o alla BPCO ( che non si sa se c'è o non c'è)......e se concorda con la terapia impostata.
Le auguro una buona giornata

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Che lei abbia o meno la BPCO non so certo dirglielo, sapendo poco di lei. Se e' stata fumartice per lungo tem,po e' molto probabile.
Il senso di affanno puo' anch'esso essere determinato dal fatto di essere una ex fumatrice.
La terapia con Isoptin puo' essere indicata nel controllo dei valori di pressione polmonare.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
HO letto che non tutti i pazienti con ipertensione polmonare sono responsivi ai calcioantagonisti , e che solo su un 25 % il farmaco risulta efficace.
Ed è per questo motivo, che viene effettuato prima, Un test tramite cateterismo, per vedere appunto la reazione al farmaco, per evitare di somministrarlo inutilmente.
Lei che ne pensa? È vero tutto ciò?
Ringrazio e saluto

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Quello che dice e' vero, ma il cateterismo cardiaco si effettua solo in casi gravi per misurare la "edge pressure" e la sua variazione dopo somministraziione di alcuni farmaci.
I calcio antagonisti, tuttavia non hanno effetti collaterali importanti e hanno effetti benefici sulla vascolatura cerebrale, cardiaca e renale.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Utente
Grazie dottore mi ha tranquillizzata.
Le auguro una buona giornata.