Utente 196XXX
buona sera , avrei una domanda cortesemente da porvi : mia madre a subito un intervento a un semplice fibroma ma operandola ci sono state delle complicazioni gli hanno perforato l intestino causando gravi problemi , infatti dopo tre giorni l hanno trasferita in un ospedale di competenza mia madre e andata in schiok settico , peritonite acuta , e ha trascorso 23 giorni in rianimazione , uscita grazie a DIO e hai DOTTORI ,da quel reparto ha trascorso 10 giorni in chirurgia generale, ora e ha casa con NOI .cmq gli hanno posizionato questa sacca che dovra' togliere sempre riandando in sala operatoria a breve dato che sono trascorsi 5 mesi dall intervento subito . ora VI chiedo le problematiche di questa ricanalizzazione che deve effettuare ! VI RINGRAZIO DELLA VOSTRA DISPONIBILITA'!! CORDIALI SALUTI.

[#1] dopo  
Dr. Emilio Gentile Warschauer

32% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Cortese Utente,
chiudere una colostomia per ricanalizzare il colon è un intervento ben programmato e con rischi molto limitati, tutto dipende dalla condizioni generali della paziente e dalla tecnica chirurgica. E' importante affrontare questa fase per far riprendere a sua madre una vita meno limitata dalla stomia.
Auguri
Dr. Emilio Gentile Warschauer

[#2] dopo  
Utente 196XXX

LA RINGRAZIO DELLA SUA IMMEDIATA DISPONIBILITA' NEL RISPONDERE . CMQ ORA MIA MADRE E IN "BUONE CONDIZIONI" HA RIPRESO LA SUA VITA .ABBIAMO EFFETTUATO MENSILMENTE ANALISI DEL SANGUE , URINE , ECOGRAFIE, TUTTO NELLA NORMA ,TUTTI I VALORI CHE ERANO SFALZATI SONO RIENTRATI. DOPO CIO' CHE HA PASSATO ORA E UN PO SPAVENTATA AD ANDARE IN SALA OPERATORIA PER LA RICANALIZZAZIONE . IL MEDICO CHE L HA ASSISTITA GLI HA DETTO CHE DEVONO TRASCORRERE 5 O 6 MESI E POI DEVE SISTEMARE LA STOMIA . BUONA SERA !

[#3] dopo  
Dr. Lucio Pennetti

32% attività
4% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente,le problematiche della ricanalizzaaione dipendono dal tipo di colostomia confezionata(semplice esteriorizzazione del colon su bacchetta a protezione di una sutura o colostomia dopo asortazione del tratto di colon sede della perforazione)Nel primo caso è meno impegnativa che nel secondo.Comunque sia può stare tranquilla.Un'ultimo suggerimento,sempre che il curante condivida,rigurda il mantenimento dell'elasticità del colon a valle della stomia.Dopo circa sei mesi dall'esclusione del transito intestinale,il viscere diventa pigro e pertanto è mia abitudine fare praticare due piccoli enteroclismi confezionati una o due volte alla settimana fino al momento della ricanalizzazione.Si tratta di un banale accorgimento che nella mia esperienza,ha favorito la ripresa ottimale dell'attività colica.
Saluti
Dr. Lucio Pennetti
Specialista chirurgia generale
Specialista chirurgia vascolare
Chirurgia videolaparoscopica