Utente 442XXX
Salve ho letto diversi consulti ma non ho capito ancora una cosa. Su un’area di pelle senza capillari (ovviamente visibili intendo) dove la pelle appare bella e rosa è possibile che dopo una ceretta un po’ “violenta” dico così perché ho la pelle delicatissima ne compaia qualcuno di cui uno rosso viola piccolo ma evidentissimo? Ceretta o casualità? Grazie per il vostro intervento

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
è possibile. Il trauma locale è uno meccanismi etiopatogenetici accreditati di responsabilità per la comparsa di teleangectasie (capillari). La ceretta, soprattutto se calda, può effettivamente comportare danni in tal senso.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente 442XXX

Gentilissimo dottore
Grazie per la chiarezza della risposta. Avrei delle ultime domande:
pensa che la teleangectasia comparsa se ne vada da sola dato che di origine traumatica?
per eliminarne altre (non di origine traumatica) eventualmente a che specialista ci si rivolge?
dermatologo o chirurgo vascolare? Chi è quello di riferimento e che metodica verrebbe usata?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Una volta manifestatesi le teleangectasie difficilmente possono regredire; anzi la tendenza è verso la progressiva estensione, soprattutto se cause predisponenti (familiarità, insufficienza venosa latente, attività sportive o lavorative, pillola anticoncezionale, ecc) siano concomitanti.
Lo specialista di riferimento è il Chirurgo vascolare con provata esperienza nel trattamento scleroterapico, metodica apparentemente semplice, ma che richiede sufficiente competenza e manualità.
E' opportuno in ogni caso che si sottoponga ad una valutazione specialistica chirurgica vascolare con ecocolordoppler, anche per verificare se la manifestazione che nota non sia iniziale segno di una insufficienza venosa, che in questa fase potrebbe avvalersi di efficaci metodi di prevenzione.

Quanto detto vale per le teleangectasie degli arti inferiori. Per quanto riguarda il volto il discorso è diverso e si avvale delle competenze della medicina estetica (laser, ecc.).

Le accludo degli articoli che potrebbero esserLe di aiuto:

https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-vascolare-e-angiologia/96-conoscere-malattie-vene.html

https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-vascolare-e-angiologia/97-eliminare-capillari-teleangectasie.html

https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-vascolare-e-angiologia/94-edemi-varici-capillari-perche.html
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#4] dopo  
Utente 442XXX

Gentilissimo ultima domanda: per il volto mi dice medicina estetica. Quindi non (o non per forza) dermatologo? Scusi l'ignoranza

[#5] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La Medicina estetica sta sempre più assumendo una collocazione specifica e non raramente sono proprio i Dermatologi (ma non solo) che vi si sono dedicati.
L’importante è identificare figure di sicura competenza e dotate degli strumenti effettivamente dedicati.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/