Utente 210XXX
salve, da dicembre notavo a seguito di una normale defecazione una lieve striatura di sangue sulla carta igienica.Con il tempo a tale anomalia si è aggiunto dolore e bruciore anale durante la defecazione.Successivamente,però,non trovavo più sangue ma avvertivo sempre enorme fastidio quando andavo di corpo.Consultandomi con il mio medico curante, e dopo aver provato svariate creme tra oli e creme cicatrizzanti, abbiamo allontanato il rischio di presenza di emorroidi o ragadi pertanto mi vedevo costretto ad eseguire visita proctologica.Tale visita ha evidenziato un arrossamento ed infiammazione della parte terminale dell'ano.Probabili cause: uso della carta igienica, alcool.Mi è stata prescritta una cura di un mese di supposte TOPSTER.Dopo il trattamento non avvertivo alcun miglioramento.Il mio medico mi ha nuovamente consigliato frequenti lavaggi con sapone intimo e prescritto un'altra pomata per favorire la cicatrizzazione ma nulla.Consultando allora un dermatologo, anche lui, sottovalutando forse il problema, attribuiva la colpa alla concia della carta igienica e un po anche al trattamento sbagliato con supposte cortisoniche che potrebbero aver peggiorato il problema ma definiva la mia situazione non allarmante e mi prescriveva un sapone intimo TIAL e una pomata DECODERM e la prognosi di 1-2 settimane.Intanto un altro mese è passato e il problema non si risolve ancora.Faccio presente che la prima manifestazione l'ho avuta nel mese di dicembre e ad oggi (maggio) non ne vengo fuori.
PS: l'analisi parassitologica delle feci è negativa
Grazie

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il dolore farebbe pensare ad una ragade che pero dovrebbe essere diagnosticata con una anoscopia.esclusa tale patologia consiglierei di rivolgersi ad un centro di dermatologia universitaria o ospedaliera perché venga eseguita una diagnosi precisa.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente 210XXX

gentile dottore lei quindi mi propone di sottopormi nuovamente ad una rettoscopia?Posso dirle di preciso che effettuando una ispezione amatoriale con un dito nella prima parte dell'ano (proprio appena all'interno del pertugio) avverto come una bolla dura infiammata sicuramente e dolorante alla pressione del dito. Tale bolla al tatto è grande quasi un centimetro. Può trattarsi di una qualche infezione in corso mai curata? Perchè la cura contro la ragade l'ho portata avanti con VULNAMIN CREMA senza esito positivo.

Grazie

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
È quindi importante fare una rettoscopia per stabilire di che cosa si tratta la tumefazione anale.
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente 210XXX

Gentile dottore,
sto notando da 6 giorni oramai che dopo aver sospeso qualsiasi terapia (DECODERM, VULNAMIN CREMA, ecc) e interrotto completamente l'uso del caffè e controllato leggermente l'alimentazione, l'infiammazione di cui sopra sembra essere scomparsa. Riesco infatti ad andare di corpo senza apparente fastidio o dolore pur stando attento a non sforzarmi. E' scomparsa anche quella specie di bolla dura e dolorante sita proprio quasi all'interno dell'ano. Può trattarsi quindi solo di alimentazione? Può essere in qualche modo legato a intolleranze o allergie alimentari questo problema che mi porto avanti da dicembre? Grazie.

PS: Esame del sangue e delle urine danno anche loro tutti i valori nella norma

[#5]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Potrebbe essere possibile
Dr. Roberto Rossi