Utente 774XXX
Ho 35 anni. Non sono una fumatrice, seguo una alimentazione corretta (priva di latticini e grassi).Curo molto la mia pelle e mi sottopongo ciclicamente a visite dermatologiche poichè da oltre 10 anni soffro di acne rosacea.
L'aspetto rosacea ormai lo riconosco benissimo e, avendo molta pazienza, lo "gestisco" con creme emollienti per pelli intolleranti, fotoprotezione, ecc..
Ma l'acne è davvero un grosso problema. Ho preso recentemente e per due mesi ZITROMAX per bocca associando Finacea ma i risultati sono scarsissimi. Tant'è che al termine della terapia antibiotica combatto ancora con una pelle ricoperta di brufoli di varie dimensioni (molti sottopelle).
Il mio dermatologo mi consigliava allora Belara almeno per la parte acneica del problema.
Sinceramente sono stanca e atterrita dal problema: non pensavo che alla mia età si potesse ancora soffrire di acne come un'adolescente...
E inoltre è motivo di grande malinconia e disagio.
Potete almeno dirmi se ciò che sto assumendo (soprattutto la pillola) o applicando avrà dei benefici effetti sulla mia pelle?
Premetto che è molto, molto delicata e sottile quindi non posso effettuare peeling, luce pulsata o laser terapia.
Grazie per l'attenzione riservatami.
Paola.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

la fase acneica del processo rosaceiiforme è solo uno deglii aspetti tardivi di questa patologia - la rosacea appunto.

solliitamente curo i miei pazienti con questa patologia, ricorrendo anzitutto alla cura della aspetto acneico, ma poi rivolgendo l'attenzione sulle altre cause che concorrono con la rosacea (teleangectasiie et cetera) anche mediante l'utilizzo della luce pulsata con maniopolo acne e manipolo vascolare, appositi per questi problemi, ben sapendo che la luce pulsata medicale di questo tipo serve proprio a riidurre i fenomeni di sensiibilità della cute e ben sapendo che questi fattori pro-infiammatori contribuiscono all'automantenimento della patologia.

questa quindi è la è la strada ritenuta più percorribile a mio avviso: che la valutazione del processo terapeutico spetta sempre e comunque al dermatologo con la visita diretta.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 774XXX

La ringrazio epr la risposta e soprattutto per la velocità con la quale mi è stata inviata.
Volevo chiederLe una precisazione: la luce pulsata in cosa consiste esattamente?
Ha effetti collaterali?
Richiede ricoveri, assenze dal lavoro, ecc..?
Richiede periodici trattamenti di "mantenimento"?
E quanto cotsa?
Le confido che il mio dermatologo, non me l'ha mai proposta forse in virtù del fatto di avere una pelle sensibilissima.
la ringrazio nuovamente per l'attenzione che vorrà riservarmi.
Paola.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La IPL luce pulsata medicale effettaubile dal dermatologo ha diverse funzioni: quella che le ho consigliato è associata ad un manipolo per la cura della fase acneica ed uno per la terapia delle teleangectasie e dei flushing tipici di questa patologia.

non essendo un laser, è uno strumento meno invasivo ma permette egualmente di ottenere un remodeling della cute trattata dal punto di ivista antinfettivo, antinfiiammatorio e modellante sia i vasi che il collagene.

la terapia dura pochi minuti e si effettuta a cicli periodici (soitamente 7-10 sedute) ; come torno a ripetere è utilizzabile per le patologie quindi anche per le cuti alterate e sensibili senza soluzioni di continuo.

le ulteriori info saranno risolvibili nella sede di visita diretta che la invitiamo ad eseguire presso il dermatologo di sua fiducia.
cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it