Utente 164XXX
A causa di un prurito persistente, ho effettuato su prescrizione del gastroenterologo delle analisi del sangue "Rast Anisakis (IgE Specifiche)" e il risultato è stato: 1,79 U/ml (Classe II) - IgE specifiche presenti in quantità moderata.

Lo stesso gastroenterologo, visti questi risultati, mi ha detto che non potrò mangiare pesce per un anno e mi ha anche prescritto una cura a base di Zentel (Albendazolo).

Ma ho un dubbio: il risultato delle analisi e il sintomo (orticaria), non dovrebbero far pensare più a una reazione allergica anzichè ad un caso di parassitosi? Cosa ne pensate?

Grazie in anticipo per l'attenzione e la disponibilità.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr.ssa Floria Bertolini

24% attività
8% attualità
12% socialità
PADOVA (PD)
PIOVE DI SACCO (PD)
VICENZA (VI)
ROVIGO (RO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2001
Gentile Utente,
L'Anisakis è un piccolo parassita che si può trovare spesso nel pesce che viene consumato crudo.
Per questo motivo in Italia è obbligatorio che il pesce da usare per consumazioni a crudo, venga sottoposto ad un adeguato congelamento e scongelamento: proprio per evitare i disturbi dovuti all'ingestione di questo parassita del pesce, tra cui l'orticaria.
La ricerca è stata mirata e lei ha una sensibilizzazione all'Anisakis, "misurata" con il Rast Anisakis (IgE specifiche).
La terapia viene effettuata con l'Albendazolo.
Segua i consigli dl gastroenterologo.

Cordiali saluti,

dr.ssa F. Bertolini
www.bertolinifloria.it

[#2] dopo  
Utente 164XXX

Gentile dottoressa, grazie mille per la risposta.
Le chiedo cortesemente di chiarirmi un dubbio.

Cosa si intende per sensibilizzazione?
L'Anisakis si è insediato nel mio intestino oppure no?

Grazie in anticipo per la disponibilità.
Cordiali saluti.