Utente 297XXX
Buonasera,
Sono una signora in sovrappeso, di bassa statura, insegnante in pensione da pochi mesi. Ho sempre goduto di discrete condizioni di salute, se si esclude il fatto che alcuni anni fa, a seguito di qualche (mi riferiscono) disturbo della memoria, mi fu fatta eseguire una RMN del cranio che mostrò "numerose microlesioni ischemiche". Il confronto con una RMN di 3-4 anni prima eseguita per incidente stradale ed allora completamente negativa, mise i medici alla ricerca di cosa potesse averle provocate ed alla fine risultai portatrice di un gene mutato della protrombina, che pare determinare un modesto aumento del rischio trombotico. Da quel momento mi è stata fatta assumere cardioaspirina 100 mg/al dì ed una RMN dell'encefalo recente mostra "lesioni numericamente e morfologicamente immutate rispetto alla precedente eseguita in questa stessa sede".
Passato questo problema, quindi, mi ritenevo soddisfatta della mia salute, se non che da qualche mese ho una certa debolezza, senza aver fatto nulla di speciale, per cui ho preso un po' di integratori, polase, carnitene, arginina e roba simile, a cicli, con un lieve miglioramento. Il medico di famiglia mi ha prescritto vari esami, risultati normali, eccetto la presenza di CRIOGLOBULINE. L'ho ripetuto su suo consiglio ed il secondo risultato è stato: "POSITIVO, CRIOCRITO 0,10 % - IMMUNOFISSAZIONE-CRIO: Presenza di IgG e IgM policlonali. Tipizzazione Crioglobuline: Tipo III". Il medico mio ha prescritto i markers epatitici che sono risultati negativi. A questo punto ha detto che non sa più cosa dirmi...
Inutile dire che sono andata alla ricerca in internet di spiegazioni ed ho letto di tutto: dai linfomi in poi. Quindi ho preferito lasciar perdere per non avere anche un disturbo ansioso. Ma cosa posso fare per avere un po' di tranquillità oppure per affrontare un eventuale problema? Chiunque può, mi consigli, grazie!

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Sono molte le situazionin cui possono presentarsi crioglobuline e non è possibile qui in questa parlare di tutte. Il consiglio che le do , anche per potere meglio definire queste crioglobuline , è di fare una visita ematologica presso un centro ospedaliero ed a Siena ve n'è uno ottimo presso il Policlinico
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 297XXX

Buongiorno dott. Baraldi,
grazie per la sua risposta. Ovviamente ho già prenotato la visita, la mia richiesta era solamente per alleviare l'attesa, perchè sto molto in ansia. Quanto al fatto che il centro di Siena sia ottimo, mi permetta qualche dubbio: le crioglobuline le hanno trovate proprio qua, ed un ematologo mi ha detto di prendere il TRENTAL 400, 2 cp al giorno...mi sembra un po' riduttivo, per cui l'ho fissata ma all'Ematologia di Bologna, che penso sia più all'avanguardia. Ma occorrono circa 20 giorni, e sto molto in ansia. Per cui le chiedo: fra le molte situazione sui lei accenna, ce n'è qualcuna che possa anche NON essere di tipo maligno? Grazie ma sto molto in ansia..

[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Sì , non è detto assolutamente che possano essere presenti soltanto in caso di particolari tumori; si può avere la presenza in altre situazioni per esempio malattie autoimmuni, infettive ecc. Adesso attenda senza allarmi la prossima visita e ci faccia sapere l'esito
Un saluto

A. Baraldi