Utente
Buongiorno,

Sono un ragazzo di 31 anni , l'anno scorso mi fu diagnosticato un linfoma non hodgkin a grandi cellule B cd 20+ stadio IV con partenza testicolare e con una formazione di una massa di 10x12cm tra rene e surrene. Mi é stato chiesto di arruolarmi in un trial clininco che ha previsto una chemio terapia ad altedosi r-chop14+rmad-mad+beam con supporto di cellule staminali. dopo il secondo ciclo di chemio terapia a controllo TAC e PET la malattia era in remissione completa con residui di massa surrenale, che al terminre delle terapie era diventata di 3cm circa, con pet sempre negativa.
A distanza di 7 mesi dall'ultima chemio terapia ho molto spesso dolori a livello della zona dove é rimasta il residuo di massa, ogni tanto un leggero prurito, spesso dolori o "dolorini" all'altezza della milza e fegato. Dall'ultimo controllo fatto 2 mesi fa i valori del sangue risulato normali e la tac riporta di rilevante solo questo:
"modesti segni di ipoventilazione nel territorio latero-basale del lobo polmonare inferiore sinisto"
Immodificata formazione linfonodale all'ilo epatico con asse di circa 18mm.
Io vorrei chiedere se é normale che a distanza di 7 mesi ho ancora questo tipo di dolori. Preciso che essi sono comparsi 10-15 gg dopo la chemio terapia BEAM con supporto di cellule staminali.

Grazie mille.

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Sì , la presenza di qualche residuo dolore può esserci. La cosa importante sono gli esami ( TAC, analisi ecc .) negativi. E' evidente che ci devono essere controlli periodici
Un saluto

A. Baraldi