Utente
salve ho 36 anni,l'anno scorso sono stata operata di metà tiroide perche nel lato destro presentava un nodulo di 3,2x2,5 ESAME AGOSPIRATO:quadro citologico compatibile con proliferazione follicolare...poi in quest'anno ho fatto gli esami che sembravano abbastanza corretti (solo esami x tiroide),adesso ho fatto ecografia x portare a visita annuale ed è risultata coi:esiti di emitiroidectomia destra.nei limiti di norma per dimensioni,morfologica ed ecostruttuta il lobo tiroideo sinistro,nel contesto della sua porzione inferiore area lievemente ipocogenea con vascolarizzazione conservata,in 3 livello di robbins di sinistra linfonodo ovolare con spessore di 4,5mm,con vascolarizazione conservata con aspetto ipocogeneo.alcuni linfonodi in 2 e 3 livello di robbins...dopo tutto cio mi chiedo che cosa vuol dire? io sono un po preoccupata con ste parolone,ringrazio anticipatamente sperando in una vostra risposta

[#1]  
Dr. Dario Bettini

20% attività
0% attualità
0% socialità
FORLI' (FC)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
Buongiorno,
potrebbe specificare anche l'esame istologico della metà tiroide asportata?
L'ecografista dovrebbe esprimere un parere sulla natura dei linfonodi. A giuducare dalle dimensioni (meno di 5 mm) non dovrebbero destare preoccupazione.

[#2] dopo  
Utente
grazie mille x avermi risposto,l'esame citologico è risultato il seguente:DESCRIZIONE:emitiroide delle dimensioni di cm 6x3x2 ,del peso di gr 14,di forma alterata e con superficie esterna liscia.al taglio si osserva una neoformazione nodulare solida e capsulata della dimensione massima di cm 2,5 DIAgnosi:ADENOMA FOLLICOLARE.MODESTI QUADRI ADIACENTI DI TIROIDE LINFOCITARIA
la ringrazio nuovamente

[#3]  
Dr. Dario Bettini

20% attività
0% attualità
0% socialità
FORLI' (FC)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
L'esame istologico è benigno. Il dato della tiroidite può giustificare la presenza di linfonodi aumentati di dimensioni. I linfonodi che lei descrive come ripeto non appaiono assolutamente di dimensioni preoccupanti. I livelli a cui fa riferimento l'esame, servono a localizzare la sede di tali linfonodi per confrontarli con esami successivi. In conclusione: starei tranquilla, ma deve chiarire con l'ecografista/endocrinologo la natura dei linfonodi, perché è un esame che viene interpretato da chi lo esegue.