Utente 200XXX
Ho 38 anni e da anni soffro di un fastidioso gonfiore allo stomaco che -credo- ha ormai modificato la fisionomia del mio busto.
Premetto che lavoro come giornalista e ho una vita abbastanza stressata a cui cerco di porre in qualche modo rimedio cercando nelle pause di dedicarmi ad attività piacevoli e rilassanti.

La situazione 'esterna', cioè visibile, è la seguente: Essendo fisicamente longilineo, lo stomaco è talmente dilatato da divenire particolarmente evidente. Infatti, a partire dall'angolo infrasternale lo stomaco si dilata di uno/due centimetri verso l'esterno di divenendo immediatamente visibile.

Disturbi: questa situazione mi crea una costante e fastidiosissima sensazione di tensione che, si acuisce quando i succhi gastrici aumentano (prima dei pasti) e quando lo stomaco è molto pieno. Di mattina spesso ho una lieve sensazione di nausea (che passa facendo colazione).

Analisi affrontate per cercare di risolvere il problema:
- gastroscopia: presenza di lieve acidità, nessun batterio.
- specialista gastroenterologo. Il medico consultato mi ha consigliato due strade: 1) provare per un mese a prendere una pastiglia prima dei pasti di Levograid e, in caso di insuccesso, 2) fare una serie di analisi per verificare eventuali incompatibilità alimentari. Dopo aver verificato l'inutilità della prima cura, fatti gli esami del sangue indicatimi, ho verificato anche l'inesistenza di incompatibilità alimentari.
- altri esami del sangue: gli esami del sangue che faccio regolarmente segnalano come unica anomalia (che si protrae da anni) del valore dell ALT compreso tra 60 e 70 UI/L (su unn range indicato di 5-56). Fatta l'ecografia è emersa una lieve steatosi, indicata come probabile causa.
- extrasistole: soffro da anni di extrasistole. I vari esami cardiologici hanno escluso un perocolo indicando come probabile causa lo stress, ma io ho sentito che la pressione dello stomaco sul diaframma può essere causa di questo disturbo.

A questo punto non so più cosa fare!! Lo stomaco ormai ha assunto la definitiva conformazione dilatata e gonfia che mi crea un notevole e costante disturbo fisico. Mi rivolgo a voi per sapere se siete a conoscenza di qualche cura, medicina o soluzione che possa portarmi per trovare una efficace soluzione a questo mio problema.
Grazie anticipatamente dell'aiuto, Massimo P.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Chiummo

24% attività
0% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Gentile amico lei ha ragione: le extrasistoli possono avere origine dal gonfiore gastrico, infatti una grossa bolla gastrica può dare una compressione diaframmatica che interessa anche il cuore.
Ma ha provato dei semplici rimedi che riducano l'aria che provoca il gonfiore, come ad esempio del Carboyoghurt, oppure delle compresse di Mylicon? (per es. due cp alla fine di ogni pasto principale).
E per ridurre la steatosi ha provato dei farmaci come Silemarin o Legalon, cioè a base di silimarina? (sempre dopo i pasti principali).
Mi faccia sapere

[#2] dopo  
Dr. Domenico Stillittano

20% attività
0% attualità
0% socialità
DESIO (MB)
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
Chiaramente bisogna anche controllare un eventuale eccesso quantitativo alimentare. Potrebbe essere efficace l'uso di procinetici (Peridon o Motilex) 1/2 ora prima dei pasti principali per 1 mese che migliora la motilità e lo svuotamento gastrico. Mi faccia sapere.