Feci gialle

Gentile dottore,
sono una ragazza di 27 anni che, circa una settimana fa ha contratto un fastidioso vius intestinale che ha comportato mal di stomaco, nausee, giramenti di testa e diarrea.
Ora, dopo aver seguito una dieta leggera e aver preso "Malox", come da consiglio medico, i primi sintomi sono spariti. E' rimasto però il problema alle feci, che risultano essere lente e di color giallognolo.

Mi sto preoccupando perché questa situazione mi si è presentata già una settimana prima che si presentassero gli altri sintomi e, ad oggi, dopo 7 giorni ancora non passa. Ho provato anche ad assumere "Enterogermina" per 3 giorni, ma niente.

Devo anhe aggiungere che, praticamente da sempre, ho avuto, la mattina, feci molli, ma di colore normale, che io ho attribuito all' assunzione del latte e del caffè.

Devo preoccuparmi?

La ringrazio anticipatamente e profondamente per la risposta che vorrà darmi.
[#1]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4,6k 139 94
Gentile signora,
il colore delle feci descritto NON ha carattere patologico ed è correlato probabilmente all'alimentazione. Se non vi sono altri aspetti diversi dalle condizioni abituali (consistenza delle feci), non vi sono elementi di preoccupazione.
L'episodio acuto è presumibilmente risolto.
Cordiali saluti.

Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore,

innanzitutto grazie per la sua risposta!

Per quanto riguarda la consistenza delle feci, in questo ultimo periodo, esse di presantano in piccoli e stretti cilindri. Mi sembra appiattiti, ma non ne sono sicura. Inoltre, riscontro anche, ma non sempre, una sensazione di dover andare in bagno senza riuscirci. Ieri sera era particolarmente fastidiosa.
Scusi questa mia insistenza, ma girando su internet, più che tranquillizzarmi, sto praticamente entrando in panico! :)

Un grazie sincero.
[#3]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4,6k 139 94
Gentile signora,
le sconsiglio di continuare a "girare" su internet, visto il risultato sull'emotività.
Per tranquillizzarsi, la cosa più opportuna da fare è discuterne col medico curante, il quale potrà visitarla e, se lo riterrà opportuno, potrà consigliarle degli esami a praticare.
Cordiali saluti.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Un sincero ringraziamento.

Buona serata.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa