Utente
Gentile Dottore,
da qualche anno ho cominciato a soffirre di gonfiore e gastrite. 1 anno fa, dopo aver fatto l'ennesima ecografia (con esito felice) il mio dottore-chirurgo mi ha fatto curare conil peptazol che mi ha risolto la gastrite. Il gonfiore pero' è tornato, forse in concomitanza con la dieta (necessaria per i miei 15 kg in sovrappeso causa algodistrofia del femore. La preoccupazione mi è sorta quando qualche mese fa ho cominciato ad avere problemi di diarrea con un po' di grasso, cosa che ora ho poco ma spesso trovo palline gialle nelle feci.

ho fatto gli esami un anno fo con questo esito:

alfa amilasi (metodo enzimatico colorimetrico) 23 (0/100)
bilirubina totale frazionata: TOT 2.01 - diretta 0.50 - indiretta 1.51 (GILBERT secondo il medico)
fosfatasi alcalina (colorimetrico) 168
gamma gt (enzimatico)19
GOT/AST 24
GPT/ALT 45
LIPASI 41

FECI
consistenza solida
colore Marrone (me in questi giorni ho prodotto anche feci alcoliche - argilla)
reazione neutra
muco assente
amido tracce
fibre carnee rare
fibre vegetali diversi
grassi neutri assenti
acidi grassi rari
saponi assenti
parassiti assenti
PARASSITOLOGICO negativo
HELYCO negativo

ed un mese fa (tranne le feci) con esito tutto regolare tranne che per

LIPASI 45
GPT ALT 52


devo preoccuparmi?

perchè la lipasi si alza?

Grazie

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
bisognerebbe conoscere i valori di riferimento espressi dal laboratorio in cui ha praticato le analisi poiché questi possono variare.

Se i valori normali rientrano, come nella maggior pate delle determinazioni, tra 8 e 60 U/l, i valori riportati sono nella norma: il "numero" diverso tra una determinazione e l'altra è legato alla variabilità statistica e non ha significato patologico.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore,

La ringrazio per la risposta e mi scuso per la mia mancanza di precisione nel riportarle i dati.

LIPASI 45 U/l o-38
GPT 52 U/l 0-41
GOT 18 U/l 0-37
potassio (metodo ISE) 4,3 mEq/L 3,5 -5,5
sideremia (colorimetrico) 96 mcg/dl 60-160
GLICEMIA 89 mg/dl 70-105
ferritina plasmatica 187 ng/ml 25-380
creatinemia (colorimetrico) 0,96 mg/dl 0,60-1,20
colesterolo HDL (enzimatico diretto) 60 mg/dl >40
colesterolo LDL 105 mg/dl 0-130
colesterolototale (enzimaticocolorimetrico)185 mg/dl 140-220
azotemia (enzimatico colorimetrico)39 mg/dl 10-50
alfa amilasi 25 U/l 0-100

sodio 130mEq/L 135-145
trigliceridi (enzimatico colorimetrico) 100 mg/fl 40-165
uricemia /enzimatico colorimetrico) 5,60 mg/dl 3,50-7,00
EMOCROMO tutto in regola tranne Plt 140 K/uL 150-400

ELETTROFORESI SIEROPROTEINE
prot TOT g/dl 7.0 6.3-8,4

questi sono gli esami completi.

quello che le chiedo e a cosa puo' essere attribuita questa lipasi alterata.
Io so che è un valore da valutare con molta attenzione perchè difficilmente si alza, se non in caso di problemi al pancreas.

Cosa può dirmi a tal proposito?
Devo approfondire?
io tra 10 gg ripetero' gli esami con altri specifici.
Spero di non averla eccessivamente caricato di domande e dati.

Grazie per la gentilezza.

[#3]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
la lipasi è indice di malattia pancreatica allorché i valori sono elevati in modo consistente (almeno 2-3 volte i valori normali); un modico, anzi lievissimo in questo caso, incremento è descritto possibile in infiammazioni del tratto digestivo (gastroenteriti), delle ghiandole salivari e delle vie biliari.
La gastrite è compatibile con questo dato.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore,

la ringrazio ancora, lei mi rassicura.

Volevo sapere se ciò che sapevo, e cioè che le ghiandole salivari possono influire solo sulle Amilasi, è corretto e che quindi non coinvolgono le Lipasi. Io infatti soffro di ipersalivazione

Come posso impedire alla gastrite di influire sulle mie lipasi? E' un enzima che mi spaventa un pò.

Grazie ancora.

[#5] dopo  
Utente
Gentile Dottore,

volevo anche sapere qualcoda in più rispetto al fatto vhr trovo spesso palline gialle nelle feci.
Spesso sento un dolore a punta nell'ipocondrion SXa sinistra dello stomaco ed ho un senso di torpore del fianco sinistro con qualche volta lo stesso dolore dietro la schiena.

Cosa puo' essere (alla luce di analisi nella norma)?

GRAZIE ANCORA

[#6]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
la lipasi è presente - in quota minima - anche nella saliva e nel succo gastrico.
Il valore lievemente aumentato non è motivo di preoccupazione.
Il materiale riscontrato nelle feci dipende, nella maggior parte dei casi, da ciò che si introduce nell'alimentazione: in ogni caso un esame microscopico delle feci chiarisce il problema.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#7] dopo  
Utente
Molto bene, GRAZIE.

Confido oltretutto che il mio alternari di feci solide (oggi inizialmente caprine) e di feci molli attesti che il problema è dato dalla motilità intestinale e non da altro.

Oltretutto i miei linfociti e gli altri valori sono nella norma quindi dovrei stare assolutamente tranquillo, giusto?

Solo non capisco il senso di intorpidimento del fianco sinistro, da cosa può dipendere?

Gentile dottore, io La ringrazio ulteriormente e la prego di aver pazienza ma le sue risposte fugano molte tensioni.

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore,

ho effettuato una visita dal medico che mi ha fatto una completa palpazione ed auscultazione e per fortuna è tutto okkei.

Ho anche ripetuto le analisi e le me LIPASI sono scese a 32, valore credo buono poichè nella norma.

Mi chiedo tuttavia perchè, quando mangio mais o solanacee come i peperoni, mi capita di ritrovarne nelle feci (nel caso dei peperoni ne ritrovo le pellicine in buona quantità).

Lei cosa ne pensa?

Grazie per la sua cortese attenzione.

[#9]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
il reperimento di "fibre indigerite" nelle feci è del tutto normale: in molte occasioni è difficile riconoscerne la somiglianza con i prodotti ingeriti, in qualche occasione è più facile. Non si tratta di aspetti patologici.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.