Utente 659XXX
Buongiorno.
Da anni, ogni mattina, prendo una compressa di "Mepral" 20, in quanto mi fu diagnosticata dapprima una "Duodenite erosiva", seguita da una recidiva di "Ulcera duodenale". Il fatto è che, se interrompo per un solo giorno la somministrazione della compressa, cominciano i soliti bruciori ed acidità. Mi chiedo: quali conseguenze può avere una simile prolungata somministrazione?
Grazie per la risposta e buon lavoro a tutti.

[#1]  
Dr.ssa Maria Morena Morelli

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
come ben saprà, l’omeprazolo è un farmaco che rientra nel gruppo degli ‘inibitore della pompa protonica’; tali farmaci riducono la secrezione acida gastrica. Una diminuzione del volume e dell’acidità gastrica “potrebbero” aumentare il rischio di infezioni gastrointestinali. Ma, in considerazione della diagnosi da Lei riportata:"Duodenite erosiva", seguita da una recidiva di "Ulcera duodenale"…., ritengo la suddetta terapia inevitabile. Le consiglio di sottoporsi REGOLARMENTE a visita presso il suo gastroenterologo (da quanto tempo non effettua una EGDS di controllo ?) e di attenersi a regole dietetiche-comportamentali (es. niente alcolici, bevande gassate, cibi piccanti, frutta acidula, pasti abbondanti e ricchi di grassi, etc….) in quanto, spesso, la terapia medica da sola non basta.
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli

[#2] dopo  
Utente 659XXX

Gent.ma Dr.ssa Morelli,
La ringrazio di cuore per la risposta, che, in qualche maniera, mi tranquillizza circa l'uso prolungato dell'omeprazolo.
Farò sicuramente tesoro dei suoi consigli, cominciando da una EGDS.
Grazie di nuovo e buon lavoro.
Cordiali saluti.