Utente 159XXX
Buongiorno, mio padre ha 77 anni e ha lavorato fino a poco più di un anno fa; dal momento in cui ha sospeso l'attività lavorativa ha intrapreso un lento e progressivo calo. In particolare ha sempre maggiori difficoltà a camminare accusando dolori ai quadricipiti dopo aver compiuto solo pochi metri. Ha fatto varie visite neurologiche dalle quali è emersa una sofferenza assonale; sicuramente è in una fase depressiva e la sua reazione alla sensazione di mal di gambe è quella di fermarsi sempre di più (trascorre gran parte della giornata seduto sul divano). Non mostra alcuna difficoltà a livello cognitivo e mnemonico. Se pone attenzione al movimento del camminare è in grado di compiere passi ampi e decisi; se invece cammina per automatismo compie passi brevi e con piedi striscianti. Da qualche tempo si sottopone a esercizi di fisioterapia (meno di 10 sedute effettuate) ma non sembrerebbero esserci risultati evidenti. Può esserci una connessione tra la difficoltà a camminare e problematiche di tipo neurologico oppure le sue difficoltà sono riconducibili a problemi di tipo muscolare? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvatore Bartolotta

24% attività
0% attualità
12% socialità
CALTANISSETTA (CL)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Con i limiti del consulto a distanza

Sarebbe utile conoscere la storia clinica del paziente , le patologie e i farmaci che attualmente prende.

Lei parla di "Sofferenza Assonale" ci sono dei motivi per cui suo padre dovrebbe avere una neuropatia? ( es. diabete, carenze vitaminiche.ecc?)

Presenta altri sintomi? ( per esempio incontinenza urinaria?)

A presto

Cordiali saluti
Dr. Salvatore Bartolotta