Utente 218XXX
Mia cognata di 87 anni assume da molti anni per combattere il colesterolo
una compressa al di di Totalip 40 mg.
Ho sentito dire che per gli anziani over 80 questo medicinale non è più
efficace . Potete dirmi se questo risponde a verità ?
Grazie e distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Fabio Guerriero

24% attività
0% attualità
0% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Buongiono Utente,
la ringrazio per la gentile domanda, sicuramente importante e di attualità per la medicina dell'anziano.
Dobbiamo fare una distinzione tra l'utilizzo della statina in prevenzione primaria e secondaria. La prevenzione primaria è quella legata all'uso dell'ipocolesterolemizzante per abbassare i valori di colesterolo per prevenire un primo evento cardio-cerebrovascolare (ictus, infarto etc). La prevenzione secondaria è quella dei pazienti con evento cardiocerebrovascolare già avvenuto e che devono ridurre il rischio cadiovascolare di un nuovo evento.
In particolare nei pazienti anziani (oltre 80 anni) in prevenzione primaria l'utilizzo della statina appare discutibile per le seguenti motivazioni:
- è noto che il numero dei pazienti da trattare con statina per 1 anno per prevenire 1 evento cardio-cerebovascolare sia 300 (number needed to treat);
- la % di paziente che lamenta dolori muscolari in corso di trattamento statina si aggira intorno al 5% e questa % aumenta con l'età;
- rischio di interazioni farmacologiche se la politerapia è complessa (molti farmaci)
E' doveroso pertanto valutare criticamente l'utilizzo della statina nell'anziano in quanto il paziente è esposto con più probabilità ad effetti collaterali (dolori muscolari soprattutto) a fronte di un ridotto beneficio in termini di prevenzione e con possibili ripercussioni negative in termini di autonomia e deambulazione.
Differente il discorso in ambito prevenzione secondaria e nei pazienti diabetici, ove il rischio cardiovascolare è di per sé aumentato e l'indicazione alla statina è più perentoria.
Ne parli con il suo medico di fiducia, in quanto, come mi sembra, si tratta di prevenzione primaria e può essere ragionevole sospendere l'ipocolesterolemizzante in un paziente ultraottantenne.
Cordiali saluti.
Dr. Fabio Guerriero
Specialista in Geriatria
Dottore di Ricerca in Medicina Interna e Terapia Medica

[#2] dopo  
Utente 218XXX

Dottote non ho ricevuto l'email di avviso evasione pratica .
la ringrazio con ritardo per la sua cortese ed esauriente risposta
distinti saluti