Utente 290XXX
salve dottore, sono un ragazzo di 18 anni 1,73 cm 60 kg.Pratico ciclismo agonistico e dopo aver riscontrato per due mesi circa stanchezza e calo della prestazione, il medico curante mi ha prescitto l'esame per gli ancticorpi dell' Epstein Barr virus, il quale è risultato positivo.Ora vorrei gentilmente sapere da lei se, dopo il naturale decorso della malattia, potrò tornare al livello atletico di prima senza problemi, e se per farlo dovrei prendere farmaci o integratori per compensare le "deficienze" della malattia...preciso che attualmente prendo cortisone e antibiotici...vanno bene?
La ringrazio in anticipo e distinti saluti.
Stefano

[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009


Egregio Stefano, il virus di Epstein Barr, è messo in relazione a molte patologie, anche autoimmuni, la più frequente attualmente è proprio la sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia. “riscontrato per due mesi circa stanchezza e calo della prestazione”. Il virus va eliminato dall’organismo nel più breve tempo possibile. Il cortisone e gli antibiotici, non hanno nessun effetto sul virus, anzi, ne sono la causa principale della sua propagazione nelle cellule dell’organismo e della maggiore difficoltà per la sua eliminazione.
Gli antibiotici non hanno alcun effetto sui virus; il cortisone inibisce quelle che sono le reazioni principali del sistema immunitario, impedendo i sistemi di difesa, permettendo la sua diffusione.
Per evitare tutto questo, la sua presenza deve essere calcolata, verificare in quali organi, oltre al sistema linfatico, soggiorna, in quali cellule si è annidato, quale è lo stato delle medesime; quanta infiammazione viene provocata, la terapia idonea per la sua eradicazione.
Il virus provoca una lieve immunodeficienza che va esaminata. Non è determinante l’integratore, perché il virus si inserisce nel cuore del nucleo, costringendo la cellula a produrre le proteine per se stesso, produce proteine che non lo fanno individuare dal sistema immunitario, quindi si nasconde e non viene più individuato, produce una proteina simile alla Intereluchina 10, che viene prodotta dal sistema immunitario, per comunicare a tutto il sistema che il nemico, lui stesso, è stato eliminato. Il sistema non produce più anticorpi, quindi di difficile diagnosi successiva, troppo spesso viene detto che passa da solo, ma non è assolutamente così.
E’ responsabile di molte patologie, ogni tanto si riattiva, producendo soprattutto laringiti o faringiti, che con il tempo diventano sempre più ingravescenti; produce la sensazione di un perenne stato simil influenzale, inizialmente lieve, ma con il tempo diventa sempre più grave. Molti i sintomi vaghi e aspecifici che inizialmente produce, che vanno attentamente interpretati, in modo da poter attuare immediatamente la terapia della sua eradicazione.
Molta attenzione va rivolta a questo virus, che considero uno dei più fetenti, come tutti gli Herpes virus, che hanno la caratteristica di permanere latenti e periodicamente riattivarsi.
La sua prevenzione, eliminazione, la considero essenziale.

Saluti Alberto Moschini

moschinialberto@medicitalia.it

alberto.moschini@fastwebnet.it



Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#2] dopo  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Egr. Stefano, per la sua patologia causata dal virus Epstain Barr la può curare benissimo presso la Clinica Malattie Infettive e Virologia del Policlinico o presso la Divisione Infettive Azienda Ospedaliera Papardo di Messina, facendo quanto gli specialisti le consigliano, proprio in virtù della patogenicità di questo virus, come giustamente dice il Collega di Massa.
Per quanto riguarda l'aspetto della ripresa dell'attività sportiva, da Specialista in Medicina dello Sport e da Fisiatra, le consiglio che è opportuno che esegua dei controlli clinici per la valutazione del suo stato sia generale che dello stato attuale dell'apparato muscolare, approntando se occorre un protocollo alimentare e/o ricostituente, ed effettuando della ginnastica preparatoria specifica, con sedute di massoterapia e potenziamento muscolare, prima di una vera e propria ripresa dell'attività sportiva, agonistica o meno, amatoriale o professioniostica.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico // Fisiatra // Medico dello Sport
Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#3] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Quale anticorpo e' risultato positivo, quello di classe IgM, vero? Allora e' mononucleosi recente. Se sono positivi solo le IgG, allora la mononuleosi e' stata fatta si', pero' in epoca passata. Erano alte anche le transaminasi?

Se e' mononucleosi di solito non si fa nulla in quanto passa da sola, al massimo gli antibiotici aiutano a prevenire sovrainfezioni batteriche (ad es. se oltre alla semplice stanchezza c'e' stato un grosso mal di gola). Il cortisone non e' indicato nelle patologie virali, non ci sono prove che acceleri il recupero dopo una mononucleosi, si rischia solo di "pasticciare" l'atleta.

Come proporre correttamente quesiti online relativi ad analisi di laboratorio:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42830

[#4] dopo  
Utente 290XXX

solo le iGG erano alte, le igM erano quasi nella norma...ma scusi(mi rivolgo al dottor Caruso) cosa dovrei fare riguardo la stanchezza? e sopratutto che controlli clinici fare riguardo l'apparato muscolare?può essere stato danneggiato dal virus???...attendo risposta e grazie...

[#5] dopo  
Utente 290XXX

scusate la mia impertinenza.Volevo precisare che la stanchezza l'ho cominciata ad accusare circa a giugno 2006.Da allora ho avuto un calo netto della prestazione atletica, scarso recupero, frequenze cardiache basse e dolori muscolari...pensavo fosse una sindrome da overtraining, ma dopo aver riposato per due mesi la situazione non è cambiata a parte i dolori che sono passati, dato che la stanchezza muscolare(vera e propria mancanza di forza) soprattutto durante l'allenamento non ha cessato di esserci tutt'ora...perciò mi sembrava improbabile che si trattasse di overtraining.Quindi avendo, a marzo 2007, scoperto di aver avuto la mononucleosi, ho collegato quel malessere persistente da giugno 2006 al virus...Ma è già passato quasi un anno da allora...secondo lei, le due cose sono collegate, o sono da considerarsi separatamente? specifico di aver fatto le analisi di miopatia,transaminasi e cpk, le quali tutte nella norma...Grazie in anticipo e distinti saluti...

[#6] dopo  
Utente 290XXX

scusate ancora gentilissimi dottori ma è la disperazione che mi guida...so benissimo che la mia fortunatamente non è attualmente una malattia grave come altre, ma so che il virus epstein barr può portare, se non eliminato, ad immunodeficienze e a conseguenti malattie più gravi. Fatto sta che a 18 anni, età in cui dovrei essere nel pieno della vitalità, certi giorni a malapena ho la forza necessaria a camminare, causa stanchezza muscolare(da giugno 2006 tra alti e bassi)...ora se tutto ciò è conseguenza della presenza del virus maledetto all'interno del mio organismo[igG positivo(166),igM quasi nella norma(5,0)] vorrei sapere se la stanchezza che perdura da un anno è causata dal virus e se esistono terapie, cure e quant'altro in grado di localizzare e di eliminare il virus definitamente...perdonate la mia impazienza ma sono stanco di essere stanco....

[#7] dopo  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Caro Stefano, invece di parlare di tutti questi valori ed esami ematochimici, invece di lamentarsi sempre e fare domande, ha seguìto i suggerimenti che già le ho dato : piuttosto che srivere pensi a curarsi.
Si è affidato ad una Clinica Malattie Infettive ??
Lo faccia presso la Clinica Malattie Infettive e Virologia del Policlinico o presso la Divisione Infettive Azienda Ospedaliera Papardo di Messina, o in qualsiasi altra città italiana, ma lo faccia. Gli specialisti le diranno tutto e le daranno le dovute terapie ed i dovuti consigli.
Per quanto riguarda l'aspetto della ripresa dell'attività sportiva, da Specialista in Medicina dello Sport e da Fisiatra, le consiglio che è opportuno che esegua dei controlli clinici per la valutazione del suo stato sia generale che dello stato attuale dell'apparato muscolare, approntando se occorre un protocollo alimentare e/o ricostituente, ed effettuando della ginnastica preparatoria specifica, con sedute di massoterapia e potenziamento muscolare, prima di una vera e propria ripresa dell'attività sportiva, agonistica o meno, amatoriale o professioniostica.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico // Fisiatra // Medico dello Sport
Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#8] dopo  
Utente 290XXX

gentile dottore,le mie ripetute domande erano solo delle precisazioni per facilitare il suo parere medico...comunque sia, mi affiderò alla clinica malattie infettive per quanto riguarda la mononucleosi, ma volevo sapere se la stanchezza che accuso da un anno è causata dalla mononucleosi o se è un fattore da considerarsi separatamente?? e poi quali esami clinici devo effettuare e dove devo recarmi per gli esami dell'apparato muscolare??? la ringrazio e attendo pazientemente risposta