Utente 398XXX
Buongiorno
Sono una ragazza di 20anni, lo scorso maggio ho avuto i miei primi rapporti sessuali tutti protetti, il 19 luglio abbiamo però commesso una leggerezza.
Abbiamo avuto una breve penetrazione non protetta, è durata poco al massimo cinque minuti perché il mio partner non riusciva ad avere una erezione prolungata e perché io avendo il ciclo soffrivo molto.
Ora so che è un rapporto a rischio, ma calcolando la breve durata, il fatto che non ci sia stato liquido pre spermatico, quanto è reale il rischio?
Da allora non ho avuto alcun sintomo se non dei leggeri raffreddori e delle bollicine sul labbro dovute però all'utilizzo di un apparecchio odontoiatrico.
Vivo da mesi nell'ansia ma ho anche il terrore di fare il test è che questo sia positivo .

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
il rapporto che riferisce è a richio di MST indipendentemente dalla durata temporale dello stesso.

Dato che è passato tanto tempo, e lei continua a vivere nell'ansia, esegua un test HIV 1-2 che andrà considerato definitivo.
Nel contesto del prelievo per il test le consiglio anche di verificare il suo stato sierologico per la sifilide con una VDRL e un TPHA.
Mettere la testa sotto la sabbia serve a nulla.
Ovviamente se nota lesioni vulvari non esiti a rivolgersi al suo ginecologo.
Saluti cordiali,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 398XXX

La ringrazio per la risposta,
nel caso avessi contratto la sifilide non avrei già dovuto avere dei sintomi?
Farò i test come da lei indicato, ma il fatto che he non abbia avuto nessun sintomo non dovrebbe farmi stare più tranquilla? ( nessun linfonodo ingrossato, nessuno stato febbrile)
Cordiali saluti

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Nella donna la sifilide, anche primaria, può decorrere in modo inapparente, per motivi anatomici.
E' la ragione per cui le ho consigliato il test.
Saluti cordiali,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.