Utente 356XXX
Gentili medici,
nel foglietto illustrativo del Bronchovaxom, che sto assumendo (sono al terzo mese del ciclo autunnale), c'è scritto che bisogna lasciar passare almeno 4 settimane fra la fine del trattamento con Bronchovaxom e la somministrazione di un vaccino.
Questa precauzione vale anche per il vaccino antimeningococcico?
Per curiosità, qual è il motivo di questa raccomandazione? Una possibile interazione o una perdita di efficacia?
Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve.
E' una raccomandazione imposta dall'AIFA.
E' tutto da vedere se i lisati batterici siano efficaci, Broncho Vaxom compreso.
E' invece importante, se necessario, prevenire una malattia potenzialmente fatale come la meningite con un vaccino che meriti di portare questo mome.
Quest'ultimo, se le promesse della casa produttrice sono vere, troverà un sistema immunitario attivato e dunque più pronto a produrre anticorpi contro il vaccino Anti Meningococcico. Che peraltro è inattivato.
Quindi a mio parere non vi è nessun problema: dieci giorni di sospensione sono più che sufficienti.

Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 356XXX

Buonasera dottore
e grazie per la celere risposta.
Se ho ben capito, quindi, anche se le 4 settimane d'intervallo fra il Bronchovaxom e un vaccino qualunque sono solo una "cauta" raccomandazione, è comunque opportuno che i due trattamenti siano leggermente distanziati; questo per una questione più di opportunità farmacologica che di reale rischio di interazioni o effetti avversi (e indipendentemente dal tipo di vaccino). Ho ben inteso?
Grazie e cordiali saluti.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
più che di opportunità farmacologica, parlerei di opportunità immunologica.
Lei ingerisce un lisato batterico che per via orale dovrebbe stimolare la risposta immunitaria contro le frazioni batteriche in esso contenute.
Il condizionale non è casuale.
E' già difficile evocare una risposta immune contro un vaccino iniettato, tanto che si ricorre spesso ad "adiuvanti" di vario tipo.
Immagini quanto possa impegnare poco il sistema immunitario un lisato batterico per os.
C'è un grande business su questi prodotti e greandi dubbi sulla loro reale efficacia.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.