Utente 464XXX
GentilI Dottori, poco più di due mesi fa sono comparsi i primi sintomi di una mononucleosi, confermata dalle analisi. Avevo solo due linfonodi gonfi nella zona del collo che adesso si sono ridotti. Dopo un mese si sono gonfiati i linfonodi inguinali e adesso a distanza di due mesi altri linfonodi attorno al collo, abbastanza fastidiosi. Inoltre ho come un capillare rosso acceso su una tonsilla. Vorrei sapere se questi ultimi rigonfiamenti possono essere ancora riconducibili alla mononucleosi, o al contrario dipendono da altri fattori. Le ultime analisi del sangue sono state effettuate 20 giorni fa e mostrano ancora valori leggermente alterati dei globuli rossi e bianchi (neutrofili 31,1, linfociti 54,9, basofili 1,0).
Vi ringrazio in anticipo delle risposte che vogliate darmi.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
presumibilmente lei non è ancora guarita dalla sua mononucleosi e sono ad essa riconducibili i sintomi che porta alla nostra attenzione.
Sarebbe bene che oltre all'emocromo Ella ripetesse tutto il pannello immunosierologico per la sua malattia infettiva:
-anti VCA iGM+IgG quantitativo
-Anti ENBA IgG quantitativo
-EA-D IgG.
Non è sufficiente per seguire l'andamento della sua mononucleosi basarsi sulla formula leucocitaria, che può assestarsi alla normalità in persistenza temporanea di malattia ancora attiva.
Il capillare sulla tonsilla, ancorchè vada visto, non mi pare che rivesta un significato clinico degno di nota.
Cari saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.