Utente 934XXX
Sottoposto nel mese di giugno alle analisi del sangue, per sicurezza sul lavoro non ho saputo più niente,finchè dopo vari malesseri nel mese di ottobre mi hanno trovato la glicemia a 325,preoccupato ho anche chiesto i risultati delle analisi di Giugno ed è risultato che già allora era a 246 adesso vorrei sapere qual'è la procedura in questi casi,mi doveva avvertire il medico? o il datore di lavoro?
Vi pare una cosa corretta.

[#1] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

La comunicazione dei risultati anomali è competenza esclusiva del MdL .
Il datore di lavoro non può avvertire il lavoratore perché non è compito suo ed inoltre non può sapere i risultati degli esami per il segreto professionale e la legge sulla privacy.
Il collega certamente non si è comportato purtroppo in maniera corretta.
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#2] dopo  
Utente 934XXX

Allora è stata una mancanza del medico e mi poteva succedere qualcosa di spiacevole.
Comunque ora la glicemia è sotto controllo.
Senta mi potrei rivalere nei confronti del medico per eventuali rischi e danni che avrei potuto subire?

[#3] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

L'importante che non sia successo niente.
Inoltre se Lei si sente leso, si può rivolgere ad un legale di sua fiducia.
Però prima di procedere per vie legali. contatti il MdL e si faccia spiegare
almeno i motivi di tale accadimento.
Forse potete anche chiarire amichevolmente la questione.
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#4] dopo  
Utente 934XXX

Grazie dottore per i saggi consigli che mi ha dato.
La terrò informato.
Distinti saluti

[#5] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

Rimanendo in attesa di interventi futuri a Lei giovevoli,
Le auguro una felice e serena notte.

A risentirci
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro