Esonero dal turno di notte come fare

buongiorno dottore, sono un operaio metalmeccanico e sono 19 anni che faccio turni, soffro di cervicale da molti anni avendo anche giramenti di testa più due interventi lombari, ho dato tutti i risultati della rm alla dottoressa aziendale mi ha risposto che per tale patologia non è possibile l esonero al turno notturno.
il referto dichiara, protusione discale posteriore ad ampio raggio in c3-c4 che determina riduzione di ampiezza del forame di coniugazione bilateralmente di grado maggiore a destra.
protusione discale posteriore ad ampio raggio in c5-c6, ernia discale posteriore mediana paramediana sinistra in c6-c7.
intervento di discectomia percutanea l3-l4 nel 2016 intervento ampia interlaminectomia e foraminotomia l4-l5 artrodesi fissa posteriore l4-l5 mediante sistema benefix n 12 nel 2020.
il giudizio della dottoressa, limitare la movimentazione manuale dei carichi a max kg 10.
movimentazione manuale dei carichi cautelata no movimentazione manuale dei carichi xcom ir 0, 75.
la mia domanda è posso essere esonerato dal turno notturno e come fare.
la ringrazio per l attenzione.
[#1]
Dr. Domenico Spinoso Medico del lavoro 716 85 11
Gentile utente,
Le patologie di cui lei patisce, generalmente, non sono limitative per svolgere il lavoro a turni e, nello specifico, il lavoro notturno. Ogni caso però deve essere singolarmente valutato. Evidentemente il medico competente dell'azienda, dopo aver valutato i suoi documenti sanitari ed averla visitata, non ha ritenuto necessario porre una limitazione al turno notturno ma solo alla movimentazione manuale di carichi.
Naturalmente, non avendola io visitata, non conoscendo i rischi specifici della sua azienda e della sua mansione, non posso esprimere un mio giudizio né giudicare il giudizio della collega.
Le ricordo comunque che se lei non è d'accordo con il giudizio espresso dal medico competente può fare ricorso all'organo di vigilanza della ASP competente per territorio.
L'organo di vigilanza, dopo averla visitata, potrà confermare, modificare o revocare il giudizio del medico competente.
Il ricorso deve essere presentato entro 30 giorni da quando lei ha ricevuto il giudizio del medico competente.
cordiali saluti

Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test