Utente
Egr. Dr.ieri ho eseguito una eco-addome completo da cui si evincono i seguenti risultati: Fegato regolare per morfologia, di dimensioni ai limiti superiori della norma, ad ecostruttura omogenea senza evidenti lesioni focali. Colecisti poco distesa a pareti ispessite, apparentemente alitiasica. Non ectasie porto-biliari.. Asse spleno-portale nei limiti. Non espansi eco-rilevabili in loggia pancreatica.Milza regolare omogenea. con DBP di cm. 11,5. Reni nel limiti per morfo-volumetria ed ecostruttura. Rapporto cortico-midollare conservato in assenza di segni di ostacolato deflusso bilateralmente. Presenza di cisti corticali e parapieliche subcentrimetriche a sinistra.Aorta addominale nei limiti per calibro e decorso. Non versamento libero endoaddominale. Vescica in media replezione( volume pre-minzione di 390 ml),anecogena, a profili parietali regolari, esente da aggetti endoluminali e con regolare jet uretrale all'ECD. Prostata di mm. 52x40x42, ad ecostruttura disomogenea per la presenza di calcificazioni intraparenchimali.Residuo post-minzione di 45 cc.

Mi da un parere su tale diagnosi in particolare su : Fegato-colecisti-reni-prostata.

Grazie e un cordiale saluto

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
nulla da segnalare a carico di fegato, milza, pancreas e reni (tranne le cisti che non sono state dimensionalmente valutate) .
Nulla viene segnalato a carico delle pareti vescicali.
La prostata appare un pò ingrossata, coerentemente con la sua età, e il residuo post minzionale può essere considerato "buono" considerando che lei ha vuotato una vescica che conteneva 390 ml di urina stimata.
Le calcificazioni intraparenchimali non sono clinicamente significative essendo un reperto pressocchè costante.
Alla sua età è necessario tuttavia che la prostata venga valutata da un Andrologo "vero" e non da un praticone, con esplorazione digito - rettale ed ecografia trans rettale, uroflussometria se necessario, almeno una volta all'anno.
Nessuna tecnica ecografica può fornire le informazioni che può dedurre un dito esplorante di un andrologo esperto e una sonda ecografica trans - rettale.
cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Egr. Dr. grazie per la risposta esaustuiva, ma vorrei ritornare in argomento per quanto riguarda la prostata. Proprio l'anno scorso ho eseguito una eco.T.R. alla prostata con i seguenti risultati. Preciso per da anni che soffro di IPB:
Volume diametro trasv. 51 mm x long 39,4 mm a.p di 31.6 con peso di circa 36 gr. a struttura modicamente disomogenea, con noduli mediani di ipertrofia. conservati gli echi capsulari. Il P.S.A proprio recente è di 1.96 ( fino a 4)
Le chiedo inoltre quali problemi collaterali possono portare le cisti ai reni.Avverto fastidio quando sono seduto e quando sto coricato nel letto su quel fianco o almeno credo si sia questa la causa.
La colecisti così descritta è patologica? o dovuta ad uno stato momentaneo. In sede di analisi il medico radiologo mi ha chiesto che avessi mangiato, ho risposto leggero e a distanza si ore, ma non proprio alle 6-8 richieste.Grazie e un cordiale saluto

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Le cisti renali sono asintomatiche.
Quindi i suoi dolori non dipendono da esse.
Se lei aveva pranzato la colecisti era contratta e dunque ecograficamente mal visualizzabile: una colecisti contratta non è affidabile per lo studio ecografico e per lo spessore di parete.
Se vuole informazioni chiare rifaccia l'eco epatocolecistica a digiuno dalla sera.
Bene che la segua un Uro/andrologo.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#4] dopo  
Utente
Sicuramente mi rivolgerò allo specialista che mi ha consigliato. Per ultimo le chiedo cosa ne pensa delle calcificazioni alla prostata. Quali potrebbero eserne le cause e e se potrebbero portare a qualche evoluzione. Grazie e un cordiale saluto

[#5]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
in genere sono esiti di processi flogistici.
Nulla di preoccupante.
cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola