Medicina generale

Partecipa al sondaggio
Buonasera, vorrei chiedervi dei chiarimenti riguardo alcuni brevi passaggi di questa TC total body anno 2022 di mia madre di 80 anni, operata con successo lo scorso anno di carcinoma mammario duttale seguito da terapia chemioterapica e radioterapica, entrambe concluse.
Non posso scrivere tutta la sua storia clinica, chiedo solo una spiegazione con termini più semplici e un' indicazione su quali esami futuri è meglio eseguire.

Grazie.


CRANIO-COLLO:
Non potenziamenti post contrastografici di significato patologico in sede encefalica.

Sistema ventricolare ampliato ed in asse sulla linea mediana.

Spazi subaracnoidei della volta e della base di ampiezza aumentata.

Ipodensità della sostanza bianca sottocorticale possibile espressione di leuconcefalopatia su base vascolare ischemica cronica.


TORACE:
Al controllo attuale si documentano strie fibrotiche con associato ispessimento dei setti inter ed intralobulari in sede subpleurica a livello del LM.
Concomita a tale livello un'area pseudonodulare con dtm di circa I I mm (seria 602, imm 121).
I reperti necessitano di correlazione con dati clinico-anamnestici.


ADDOME-PELVI:
A livello della testa del pancreas si documenta incremento dimensionale delle 2 formazioni ipodense precedentemente documentate che al controllo attuale appaiono confluenti e mostrano dimensioni complessive di circa 2.1 x 1.1 cm Il reperto necessita di valutazione specialistica (IPMN in evoluzione?) ed integrazione diagnostica con esame RM

Si apprezza una diffusa iperdensità delle vertebre cervicali incluse nel FOV (C4-C7), non evidente al precedente esame suddetto.
Il reperto non è di univoca natura, potendo essere espressione di ripetizioni di malattia a tale livello.
Utile pertanto integrazione diagnostica con esame RM ovvero scintigrafia ossea.

Formazione rotondeggiante iperdensa a livello del soma di 1.4 con DL di circa 9 mm.
Areola iperdensa con dt di circa 9 mm a livello dell'osso occipitale sinistro.
Reperti da monitorare.
[#1]
Prof. Bruno Silvestrini Farmacologo 160 6 37
In sintesi, il referto dice che dopo la chiemio e radio terapia sono rimaste alcune formazioni dubbie, da controllare e seguire. Il primo controllo è la scintigrafia ossea. Vedo che il caso è seguito bene e lei abbia fiducia sia nei medici, sia sull'esito delle cure.
Sono sicuro che tutto andrà per il meglio.

Medico, Prof. On. Farmacologia, Univ. Sapienza, Roma
Pres. RIPRO, Impresa del Farmaco Naturale
www.irimedidelprofessore.com/prodotto/riprosnello/

[#2]
Utente
Utente
Grazie professor Silvestrini.
Tumore al seno

Il tumore al seno è il cancro più diffuso in Italia: quali sono i fattori di rischio e come fare prevenzione? Sintomi, diagnosi e cura del carcinoma mammario.

Leggi tutto