Utente 914XXX
Mi permetto di porre un problema fisico che mi perseguita da tre mesi e mi preoccupa non poco. Ho un dolore del tipo fitte che avverto nella parte centrale dell'inguine sinistro e che insorge spontaneamente, spesso poche volte nel corso della giornata, a volte di più e per più tempo, a volte sto qualche giorno senza averle e allora mi illudo di essere guarita.
Ne ho parlato col mio dottore ma non ha dato importanza alla cosa, ma io sono veramente molto preoccupata perchè persiste da parecchio tempo.
Quello che caratterizza il disturbo e che se faccio anche lunghe camminate non lo avverto mai ma invece si presenta spessissimo se sono coricata, spesso infatti stento ad addormentarmi o sto seduta, e qualche volta si porta sulla parte più bassa del fianco sinistro. Sono pronta anche a fare qualsiasi esame possa aiutare una eventuale diagnosi. Ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi anche perchè spesso faccio dei cattivi pensieri.

[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2005
Per quanto sia possibile orientarsi in questo contesto (senza cioè averle messo una mano sulla pancia) la persistenza del sintomo merita sicuramente un approfondimento con una visita ginecologica e una ecografia addominale e pelvica. Eventuali disturbi dell'alvo potrebbero giustificare esami anche a carico dell'intestino. Cordiali saluti.
Mauro Granata
Mauro Granata

[#2] dopo  
Dr. Giacomo Zizzi

24% attività
0% attualità
8% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
FASANO (BR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Signora, non è molto chiara la sede del suo dolore. In ogni caso, fermo restando quello che le ha scritto il Collega Granata, altre cause del dolore potrebbero essere di origine muscolare (Tendinopatia degli adduttori) oppure di natura ortopedica (spesso una artrosi dell'anca si manifesta con dolori in quella sede)oppure ancora di natura chirurgica (ernia inguinale). Stia tranquilla, faccia qualche accertamento clinico o diagnostico (visita ortopedica/chirurgica, RX) con l'aiuto del suo medico curante. Cordialità.
Dott. G. Zizzi

[#3] dopo  
Utente 914XXX

Ringrazio di cuore i due medici che mi hanno dato delle risposte con competenza e cortesia.
Seguirò sicuramente i loro consigli e senza ulteriori indugi tornerò dal medico di base e farò le altre visite da Voi suggerite informandovi del risultato delle stesse.
Ancora grazie e auguri di un anno di serenità.