Utente 232XXX
buonasera, nel 1991 ho subito un infortunio sul lavoro con amputazione del pollice sx e da allora percepisco una rendita del 23%, nel 2008 mi e stata riconosciuta una malattia professionale per problemi alla zona lombosacrale per un inabilita del 14%, ma percepisco la rendita solo per il 23% , ora la schiena e peggiorata e sto chiedendo l aggravamento, cosa puo' succedere? se fosse aumentata di 2 punti percepiro' un altra rendita? grazie 1000 per cio' che fate

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

è un quesito particolare, in quanto nel 91 erano in vigore altre tabelle valutative (il minimo per il riconoscimento della rendita era il 21%) e dal 2000 tali tabelle e valori di riferimento sono variate (il minimo è del 16%).

Per esempio, oggi, con le nuove tabelle, la perdita del pollice sinistro (non dominante) vale il 16%.

Provi ad andare da un medico legale con la documentazione che dimostra l'aggravamento della patologia lombo-sacrale e dopo la visita ed una telefonata all'INAIL per chiarire gli aspetti amministrativi tabellari e di rendita, il medico legale deciderà se conviene o meno fare domanda di aggravamento.

Cordiali saluti

Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona

[#2] dopo  
Utente 232XXX

Ma essendo cristallizzata la rendita del pollice non verra toccata?con 16 punti d invalidita a quanto ammonterebbe la rendita mensile? E qualora venissrro accorpate, 38 puntiche importo mi verra corrisposto?