Utente 484XXX
egr dott. l'1,12,2016 sono stata investita sulle strisce pedonali e portata al P.S. dove mi hanno fatto delle radiografie e sembrava non avessi quasi nulla: contusioni ed escoriazioni. Poiché non miglioravo mi sono rivolta a strutture private dove a pagamento ho fatto ecografie, tac e risonanze magnetiche dalle quali sono emerse oltre a distorsioni di entrambe le caviglie, 1 frattura al ginocchio sinistro e 5 fratture al bacino-anca destra l'ultima delle quali alla branca ileo-pubica destra alla TAC non si è ancora saldata. Io. provo ancora forti dolori e non riesco a camminare decentemente se non con una stampella nonstante le sedute di fisioterapia prescrittemi dalla fisiatra. Dopo 16 mesi dall'incidente sono ancora a casa in malattia su parere del'ortopedico e del medico di base (sul lavoro devo camminare). Adesso il avvocato mi spine a farmi fare un certificato di guarigione dall'ortopedico, andare a lavorare, e farmi visitare da un medico legale in quanto l'assicurazione della controparte potrebbe pensare che "la sto tirando in lungo" e non pagarmi più danno biologico e spese mediche. inoltre ho letto su Internet che esi stono degli appositi certificati medici uso assicurativo di continuazione della malattia che io non ho perchè nessuno me ne aveva parlato, né il medico di base né l'avvocato. Ho dei normali certificati di prolungamento della malattia uso INPS, potranno bastare per l'assicurazione?
I miei quesiti sono: esiste un tempo massimo oltre il quale le assicurazioni non pagano più danno biologico e spese mediche? Non so più cosa fare. Il fatto di non avere i certificati di prolungamento della malattia uso assicurazione può pregiudicare il risarcimento dell'assicurazione? Se si cosa devo fare?
Confidando in una vostra risposta, porgo i più cordiali saluti
Maria Teresa

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

Le suggerisco, considerando il tempo intercorso, di farsi rilasciare dal curante o dall'ortopedico, un certificato di chiusura dell'infortunio con indicazione "guarita con postumi da valutare in sede medico legale".
successivamente si rivolga pure ad un medico legale per una perizia di parte.

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona

[#2] dopo  
Utente 484XXX

Egr. dottore grazie della celere risposta, mi faro fare il certificato di guarigione e mi rivolgerò ad un medico legale. E per quanto riguarda la mancanza di specifici certificati di prolungamento malattia uso assicurazione sono fondamentali o no per il risarcimento? Se si, cosa mi suggerisce di fare?

Cordiali saluti

Maria Teresa