L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 889XXX
All'età di circa 22/23 anni ho iniziato ad avere cicli irregolari e una brutta acne, all'epoca mi fu prescritta la pillola che ho preso per 6 anni consecutivi e che mi aveva momentaneamente "risolto" il problema. Da circa 6 mesi, per vari motivi (fra cui un aumento di emicranee con aura sempre più insopportabili), ho smesso la pillola. In questi 6 mesi mi sono venuti solo 2 cicli (uno dopo quasi 3 mesi e un altro pochi giorni fa), l'acne è tornata oltre che nel viso anche nelle spalle con papule, punti neri, i capelli mi cadono a ciocche e si ungono subito e in più ho cominciato a soffrire di una lieve forma di irsutismo, insomma un disastro! Mi sono rivolta prima ad un Dermatologo il quale mi ha fatto fare le analisi del sangue dei livelli ormonali dalle quali è risultato che soffro di iperandrogenismo e mi ha confermato la sindrome dell'ovaio micropolicistico, la cura consigliata e stata quella di riprendere la pillola o in alternativa la Finasteride. Visto che la pillola non posso riprenderla e l'altro farmaco è troppo rischioso sono tornata anche dal mio Ginecologo il quale vedendo le analisi precedentemente fatte e dall'ecografia mi ha confermato quanto già sapevo e mi ha consigliato di prendere l'Eulexin dicendomi che non esiste un altro rimedio al mio problema. Ho spiegato tutto questo per farvi capire che di visite e di pareri ne ho sentiti ma io, pur sapendo che i precedenti medici hanno in parte ragione, non ho nessuna intenzione di intossicarmi il fegato prendendo quei farmaci pericolosi (addirittura per l'Eulexin ho dovuto firmare una dichiarazione di aver preso atto dei rischi!!!). La mia domada è questa: è possibile effettuare una cura omeopatica che possa aiutarmi? Mi potete consigliare una cura da seguire? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
una cura omeopatica per i sui disturbi esiste certamente;
così come è stato nelle precedenti occasioni anche nel caso della medicina omeopatica dovrà rivolgersi ad un collega esperto in questa disciplina che dopo un'accurata visita le potrà suggerire la cura più adeguata.
Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#2] dopo  
Utente 889XXX

Grazie per la risposta. Andrò al più presto da un Omeopata per cercare di migliorare la mia situazione.
Cordiali saluti