L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 207XXX
Salve a tutti!

A causa di un problema di incredibile tensione muscolare che mi ha portato cefalea ed una nevralgia a soli 16 anni, mi è stato prescritto, dopo vari tentativi, un medicinale omeopatico.
Il nome del prodotto è Gelsemium-Homaccord, e mi è stato detto di prenderne 10 gocce tre volte al giorno.
Oggi ho cominciato la cura, e dopo aver preso le prime 10 gocce diluite in poco più di un fondo di bicchiere, passati circa 20 minuti ho cominciato ad avvertire un bruciore abbastanza forte nel punto della presunta nevralgia che è durato circa 4 ore ed andando via via ad attenuarsi.
Una volta presa la seconda dose, diluita però in un po' più d' acqua della dose precedente, ho sentito lo stesso effetto, ma in modo meno forte.

Mi chiedo, in quanta acqua va diluito il medicinale in questione?
La seconda domanda è: è normale che prendendo questo medicinale si abbia questo effetto che poi rimane di fondo, peggiorando la situazione invece di migliorarla?
Alla lunga andrà via via migliorando o pensate sia meglio interrompere la cura?

Grazie in anticipo per le eventuali risposte!

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
l'effetto riferito è insolito per un farmaco omeopatico complesso; la quantità d'acqua da aggiungere non dovrebbe modificare l'azione. Piuttosto che sospendere l'assunzione le consiglio di riferire al medico che l'ha visitata e che ha prescritto la cura quanto è accaduto, in modo che possa adottare le opportune correzioni della terapia.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 207XXX

Grazie per la velocità con cui ha risposto! Il problema è che Ora ho cambiato città, quindi mi è difficile contattare il mio medico. In più essendo arrivato a Torino da poco non ho ancora un medico curante qui.

Sembra strano anche a me che cambiando la quantità d' acqua cambia l' effetto del medicinale, ma a me è successo così.
Quando l' ho preso per la prima volta con poca acqua l' effetto è stato più forte, mentre prendendolo diluito con più acqua la seconda volta, è stato meno forte.
Questo mi ha fatto pensare che, pur essendo strano perché la quantità di medicinale è la stessa, la quantità d' acqua potrebbe contare. Ma non sono un medico quindi le mie sono solo ipotesi.

Non potrebbe essere invece una qualche specie di reazione del mio organismo al farmaco? Contando che più volte lo prendo meno forte è l' effetto, magari il fastidio iniziale era una sorta di "rigetto". Non so, sto navigando molto con la fantasia.

Grazie in anticipo per un' eventuale risposta.

[#3] dopo  
Utente 207XXX

Possibile che si tratti di "aggravamento omeopatico" ?
Alla fine i sintomi coincidono: ho appena iniziato la terapia ed i dolori sono peggiorati proprio nei punti dove dovevano peggiorare.

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
il fenomeno dell'aggravamento omeopatico riguarda i farmaci omeopatici unitari in alta diluizione, è poco probabile che si verifichi con un complesso omeopatico-omotossicologico.
L'effetto dei farmaci omeopatici-omotossicologici non varia in funzione della "quantità" assunta, ma in funzione della frequenza di somministrazione.
Il farmaco presenta come unica controindicazione l'ipersensibilità alle Anacardiacee; se non si trova in questa condizione, i sintomi sono da valutare con visita medica.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#5] dopo  
Utente 207XXX

Quindi, dato che già dalla prima somministrazione ho avuto questi effetti, e che dovrei prenderne 10 gocce 3 volte al giorno, secondo lei sarebbe meglio sospendere la terapia finché non organizzo una visita da uno specialista?

Vorrei far notare però, che ieri ne ho sentito gli effetti, ma già oggi, pur non avendo preso il farmaco, i sintomi di base (quelli che avevo senza gli effetti del prodotto), sono diminuiti notevolmente.. Quindi sembra che il Gelsemium-Homaccord, peggiorando le cose le abbia migliorate. Possibile?