L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 141XXX
Gentiissimi Dottori. Chiedo un vostro consiglio e parere. Forse il mio quesito è “preoccupazione” risulterà esagerata ma nel dubbio chiedo a voi esperti.
Sono una persona che fa uso MOLTO RARAMENTE di farmaci preferendo sempre terapie naturali(omeopatia, fitoterapia) ma Purtroppo per un forte dolore alla schiena(dolore di origine muscolare) che mi sta affliggendo da circa una settimana e per impossibilità ad andare e reperire il mio omeopata, sono dovuto ricorrere,ahimè, all'uso di antinfiammatori. Sotto consiglio del farmacista ho assunto per 5 giorni un antinfiammatorio(Diclofenac Sodico) ma ho ottenuto scarsi risultati e quindi lo stesso farmacista mi ha consigliato di provare con un altro antinfiammatorio(Ketoprofene) e me ha detto di prenderlo insieme ad un gastroprotettore(Pantoprazolo). Comincerò quest'altra cura domani è la dovrò continuare per 2/3 giorni, sperando mi dia risultati. La mia domanda è questa: essendo io, come vi ho già detto, una persona che usa pochi farmaci e quindi ora che mi ritrovo per cause di forza maggiore a doverli assumere ho paure che mi possano portare dei problemi. C'è qualche rimedio naturale che posso assumere e che mi possa dare un aiuto dopo la cura che ho fatto per ripristinare “eventuali danni” che questi farmaci possono farmi? Se la mia preoccupazione è esagerata vi chiedo scusa anticipatamente e spero possa avere un vostro parere esperto a riguardo.
Vi ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione e vi porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'utilizzo estremamente sporadico di farmaci antinfiammatori non la deve preoccupare,
è difficile che le possano causare problemi rilevanti.
Non ci sono indicazioni terapeutiche per neutralizzare gli effetti spiacevoli poichè ripeto, nel suo caso questi sono scarsi o nulli.

Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#2] dopo  
Utente 141XXX

Grazie mille Dr.Leone!

Auguri di buone feste.

[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prego, Auguri a Lei!!
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica