Utente 365XXX
Salve sono una ragazza di 28 anni,una settimana fa in piena notte ho accusato un dolore fortissimo dietro il fianco dx accompagnato da vomito.Il medico ha diagnosticato una colica renale, ecografia e raggi non hanno evidenziato calcoli (premetto che prima di sottopormi a tali esami non ho controllato le urine).In ospedale, la D.ssa che mi ha fatto l'ecografia ha però supposto che si trattava di lombosciatalgia. Adesso a distanza di una settimana non ho avuto più fitte ma la mia schiena è bloccata (spalle comprese fino ai fianchi). Vorrei sapere se è normale che adesso il mio corpo stia reagendo così. Non so in sostanza cosa ho avuto. Lo stress può avere influito insieme ad una postura scorretta? Adesso sto assumendo solo un antinfiammatorio naturale ossia l'Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens).Potreste aiutarmi a capire? Grazie, Tiziana

[#1] dopo  
Dr. Rodolfo Rivera

24% attività
4% attualità
0% socialità
MONZA (MB)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2007
Salve Tiziana
Da come la racconta potrebbe trattarsi di un primo episodio di colica renale. Non sempre è possibile osservare ecograficamente i calcoli, magari anche perche possono essere stati eliminati dalle urine. Conviene comunque aumentare il volume urinario (almeno a 2 litri/die) e ripetere un esame delle urine. Vanno bene gli analgesici.
Cordiali saluti

Dr. Rodolfo RIVERA
Dott. Rodolfo F. Rivera

[#2] dopo  
Dr. Massimo Gai

24% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
ALASSIO (SV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2000
Se i dolori proseguono in questa maniera (dolore sordo, schiena bloccata) allora direi che sarebbe bene farsi vedere innanzitutto da un fisiatra o da un ortopedico.
Nel caso in cui si ripetesse però l'episodio di dolore molto intenso (fino a provocare il vomito) sarà bene approfondire la diagnosi di colica renale ( a quel punto bisogna rivolgersi ad un nefrologo in zona che tenga le fila di tutti gli esami da fare). In ogni caso consiglio di fare a breve un controllo rapido degli esami di funzionalità renale con esame urine e sedimento ed urocoltura.

Saluti
Dott. Massimo Gai
Medico-Chirurgo
Specialista in Nefrologia
SCU Nefrologia