Utente 177XXX
Salve gentili dottore, mio nonno di 90 anni ( è un soggetto diabetico e anche iperteso) ha fatto pochi giorni fà le analisi e ha riscontrato un' azotemia piuttosto alta (150 mg/dl)( ed anche altri valori leggermente alterati).Il medico di base gli ha consigliato di andare al più presto da un nefrologo ma la visita non avverrà prima di martedì. Cosa potrebbe mangiare in questi giorni per non appesantire i reni? (dalle analisi è risultato alto anche il potassio e il medico gli ha consigliato di eliminare alimenti come i legumi che lo contengono).
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Aldo Ortensia

24% attività
0% attualità
4% socialità
ALESSANDRIA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
Quello che mangia nei pochi giorni che separano suo nonno dalla visita specialistica di martedì prossimo è del tutto ininfluente considerando l'età ragguardevole. Suo nonno ha sviluppato una insufficenza renale cronica abbastanza grave, probabilmente su base angiosclerotica, quasi inevitabile in un diabetico iperteso e credo che il collega nefrologo si limiterà a programmare un follow-up di sorveglianza dell'evoluzione della malattia. Per quanto riguarda l'aumento del potassio può consigliare a suo nonno di non mangiare frutta e verdura fresca; la verdura cotta può essere invece assunta perchè il potassio contenuto negli alimenti durante la lessatura viene eliminato nell'acqua di cottura. Se suo nonno assume degli ACE inibitori (Enapren, Vasoretic, Triatec e simili) come antipertensivi, sarebbe indicata la sospensione perchè favoriscono la ritenzione di potassio.
In ogni caso lo affidi al vostro nefrologo di fiducia che certamente saprà aiutarlo e consigliarlo al meglio.
Cordialmente.
Dr. Aldo Ortensia