Utente 947XXX
Egregio Dott,
da un anno a questa parte negli analisi del sangue si è verificato un aumento della
creatinina, leggero. Nelle ultime invece vi è un ulteriore lieve aumento e sono comparsi gli acidi urici. In effetti ho avuto un improvviso aumento della pressione arteriosa (ipertensione al primo stadio) e in concomitanza l'aumento del colesterolo a livelli un tantino alti. Ho ancora il ciclo, ma leggero ed ho subito solo un paio di irregolarità in due anni. Le passo i dati delle analisi:

- Creatinina siero 0,92 (val. di rif. mg/dl 0,50 - 0,90)
- Acido urico siero 6,5 ( " " " " " 2,4 - 5,7 )
- Colesterolo siero 300 ( " " " " " desiderab. inf. a 200)
Urine chimico fisico: Esterasi leucocitaria 25 (leuco/mcl Assente)
Tutti gli altri valori sono nella norma.
Inoltre tempo prima mi sono svegliata una mattina con forti dolori lombari che si sono propagati come una fascia all'altezza dei reni con fastidio anche a camminare. Sono durati circa una settimana poi miglioramento con qualche sensazione ancora di avere questa strana cintura sempre all'altezza dei reni.
Ulteriore sintomo una forte ritenzione idrica da circa un anno. Per pressione alta
dottore mi ha prescritto Moduretic e devo dire che la situazione è migliorata, anche
se mi sono regolata da sola, diminuendone l'assunzione o alternandola periodicamente. Però poi ho avuto di nuovo una ricaduta con la pressione e con questi nuovi analisi. Nei prox giorni mi recherò dal medico, ma vorrei un consiglio su quelli che potrebbero essere gli esami suggeriti e su una possibile diagnosi e soprattutto se c'è da preoccuparsi.
La ringrazio moltissimo e invio cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L'assunzione di diuretici provoca una riduzione della volemia e quindi della perfusione renale e pertanto da una parte puo' innalzare i valori della creatininemia (nel suo caso trascurabile) e dall'altra dell'ac. urico, segno questo che il rene "avvverte" la disidratazione legata al diuretico e riassorbe sostanze per cercare di riassorbire acqua libera.
In realta' quindi, in condizioni normali, il diuretico, paradossalmente, complessivamente non fa perdere acqua.
Anche sul termine "ritenzione idrica" che lei riporta ci sarebbe molto da ridire: se infatti lei trattenesse davvero liquidi (supponiamo 100 ml al giorno) significherebbe che lei dovrebbe aumentare di peso 3 kg al mese e quindi aumentare di peso 36 kg all'anno. In 10 anni quindi diventerebbe 360 kg, cose che evidentemente non corrisponde alla realta.
L'assunzione in vece di discrete quantita' di acqua libera ( e cioe' con una quantita' trascurabile di sodio ) invece fa si che un rene sano come il suo funzioni bene ed a lungo.
Per questo motivo, se il suo cuore fosse normale cosi' come lo sono i suoi reni , lasci stare i diuretici, e beva molta acqua
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 947XXX

Egr. Dott.
in questi giorni ho avuto piena conferma dal mio medico di quanto da lei già anticipato.
Desidero ringraziarla moltissimo, sia per avermi prestato attenzione che per il prezioso lavoro che svolge tanto lei quanto i suoi colleghi tutti.
Un augurio di buone ferie !