Utente 244XXX
Salve, mio padre di 65 anni è anefrico. Gli hanno asportato ambedue i reni a causa di un carcinoma uroteliale papillare. Fa dialisi da quasi un anno. Da quando ha iniziato il valore della creatinina diventa sempre più alto, attualmente è a 16 mg, è normale? Che aspettative di vita ha un paziente in uremia terminale? Grazie anticipatamente. Saluti

[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregio signore,
la creatinina alta in un paziente emodializzato non ha lo stesso valore che può avere in un paziente non in dialisi.L'effettuazione della seduta dialitica determinauna notevole riduzione dei valori con un aumento progressivo fino alla dialisi successiva.Al limite i valori di creatinina e azotemia sono espressione della qualità o meglio dell'adeguatezza della dialisi effettuata ma anche questi possono dipendere da molti fattori (accesso vascolare,durata del trattamento).L'aspettativa di vita di un paziente in dialisi è condizionata da vari fattori (età,qualità accesso vascoalre,comorbidità presenti all'inizio della dialisi,anemia,malnutrizione ).in generale quello che fa la differenza è la mortalità per cause cardiovascolari che nel paziente indialisi si rpesentano con una frequenza 5 volte superiore alla media della popolazione.
cordiali saluti
Dr. Remo Luciani