Utente 299XXX
mio zio, 78 anni, è stato recentemente ricoverato per uno scompenso cardiaco e gli hanno riscontrato una severa stenosi aortica e sindrome da bassa gittata, insufficienza mitralica e tricuspidalica, insufficienza renale in paziente con stomia ureterale destra, incremento dell'ecogenicità parenchimale renale da sofferenza ........
poichè i valori di creatinina e azotemia sono un pò alti ci hanno detto di ripetere gli esami del sangue e i valori sono ancora alti (1,50 e 73) ed inoltre le caviglie sono molto gonfie , i pori dilatati con piccole fuoriuscite di liquido
il cardiologo afferma che dipende tutto dalla malattia cardiaca ma vorrei sapere se è il caso di consultare anche un nefrologo
la sua terapia farmacologica prevede: ossigeno (2lt/min); lanzopranolo 30 mg una cp, furosemide 25 mg una cp; digossina 0.0625 una cp; bisopronolo 1,25 mg una cp; coumadin cp 5mg sec INR; tiotropio bromuro cps una cp; allopurinolo 300mg mezza cp
cosa ci consiglia
grazie

[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
egregia signora,
purtroppo cuore e rene vanno di pari passo nella buona e nella cattiva sorte: circa 1/5 della gittatat cardiaca va a rifornire di sangue i reni. In una condizione di abssa gittata e grave cardiopatia è normale che anche i reni soffrano. Nello specifico inoltre il tutto si aggrava dalla necessità di eseguire terapia diuretica ad alte dosi. SI affiidi con fiducia al vostro cardiologo,controlli peso corporeo e diuresi a domicilio;in caso di un uklteriore peggioramento della funzione renale sarebbe opportuno prevedere una visita nefrologica
Cordiali saluti
Dr. Remo Luciani

[#2] dopo  
Utente 299XXX

grazie per la sollecita risposta