Prelievo aldosterone e renina (pra)

Buongiorno dottori,
Scrivo qui perché ho un dubbio sulla modalità di prelievo di aldosterone e renina.

Questa mattina mi sono sottoposta ad analisi del sangue, tra cui erano presenti anche aldosterone e renina.
Al laboratorio analisi, in assenza di indicazioni del medico, mi hanno fatto il prelievo segnando di fianco la parola "sforzo", motivo per cui le infermiere mi hanno fatto fare per 3 volte un piano di scale in modo da "stancarmi".


Quello che mi chiedo, visto che cercando le modalità di prelievo ho trovato solo scritto che si deve stare in piedi per 30 minuti in ortostatismo o sdraiati per clinostatismo, è corretto che mi abbiano fatto fare questa "prova da sforzo" prima del prelievo?
Oppure risulteranno i valori sballati?
Preciso che il prelievo comprendeva anche emocromo, sodio potassio glicemia colesterolo calcio ecc ed è stato poi fatto facendomi sedere.
Gli altri valori potrebbero venire alterati?


Vi ringrazio molto
[#1]
Dr. Giulio Malmusi Nefrologo 695 68 1
Il prelievo "a riposo" si riesce a fare in realtà solo in ospedale, al risveglio, prima che la persona si alzi; tutti i prelievi fatti in laboratorio, dopo che uno si è alzato, lavato, uscito di casa, camminato per raggiungere il laboratorio, ecc, sono da considerare "dopo stimolo" ; i tre piani di scale aggiungono poco; in ogni caso, dovrà confrontare i suoi valori con i range previsti per il prelievo "dopo stimolo" (o diciture analoghe). Una domanda: sa per quale sospetto le hanno fatto fare questi dosaggi ?

Dr. Giulio Malmusi

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore per la risposta.
Data la sua domanda mi permetto di precisare il quadro per quanto possibile a distanza:
Mi hanno prescritto questi controlli ad una visita per ipertensione in cui il medico ha riscontrato una sindrome metabolica (colesterolo tot 212, colest Hdl 45, colesterolo ldl 140, glucosio 107, trigliceridi 132, glicata 5.6) più familiarità per diabete, ipertensione e malattie cardiache.
Il dottore ha constatato da esami del sangue effettuati in pronto soccorso a settembre (per pressione alta e giramenti di testa) che i livelli di potassio erano normali (4.2 con range 3.5-5) e anche quelli del sodio (144 con range 135-145)ma ha voluto lo stesso indagare con questi due esami più anche le metanefrine. Misurando la pressione in studio ha rilevato sempre 130 max e 100 minima e i battiti accelerati a 105, anche se io credo fosse per l'agitazione, essendo caduta in un vortice di ansia e preoccupazione a causa dei giramenti di testa prima e poi del colon irritabile (per cui ho assunto alprazolam 10 GTT mattino e 10 GTT sera - che sto riducendo per ordine del mio medico di base dato che ho superato il periodo massimo - e una cura specifica del gastroenterologo).

Infatti Tutto è cominciato dal fatto che ho avuto capogiri da agosto per 2 mesi e mezzo di seguito e la pressione minima, ogni volta che veniva misurata dal medico o anche da me in casa risultava sempre con una massima sui 140 a volte sui 116 e una minima sui 100 ma a volte sui 85. Ho effettuato accesso al pronto soccorso a settembre per questo, con risultati nella norma e una tac alla testa che non ha rilevato problemi.
Ho fatto di recente holter pressorio 24h con valori medi 130 81, con un picco di 156 per la massima e di 98 per la minima, ma una sola volta nelle 24 ore e in momenti in cui avevo fatto una camminata o uno sforzo fisico.

Sono un po' preoccupata, motivo per cui ho cercato una risposta anche qui, perché ho paura che i livelli di renina e aldosterone risultino alti, essendo una persona molto ansiosa.

Dovrò aspettare i risultati anche per le altre analisi, che ho rifatto di recente come in oggetto, nel frattempo sono anche in cura per il colon irritabile, insorto dopo che ha smesso di girarmi la testa e ho perso 7 kg, secondo lei potrebbe esser e migliorata la situazione con questa perdita di peso? Mi sto preoccupando senza motivo?

La ringrazio ancora per le prossime risposte
[#3]
Dr. Giulio Malmusi Nefrologo 695 68 1
Diciamo che la familiarità, il sovrappeso, il consumo di sale... sono i motivi più frequenti di ipertensione, soprattutto se coesistono; molto più rara è l'ipertensione causata da un aumento della renina. Nel suo caso perdere peso è auspicabile... ma non perchè sta poco bene: il dimagrimento deve essere frutto di una alimentazione moderata e di attività fisica...

Dr. Giulio Malmusi

[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore,
La ringrazio ma ho ancora dei dubbi:
Posto che ho ridotto il consumo di sale da qualche mese e non ho ancora i risultati delle analisi fatte 3 giorni fa, spero che la situazione sia migliorata dato il recente calo di peso.

Le chiedo però se secondo lei dovrei fare anche il controllo del cortisolo (mi hanno detto di farlo salivare perché 9 anni fa circa era risultato elevato nel sangue a causa della paura del prelievo)?

Inoltre vorrei chiederle, sperando di non andare troppo fuori dal suo campo specialistico, se secondo lei il senso di stordimento in testa che avverto ormai solo ogni tanto (rispetto ai capogiri continui) é normale dato che sto sospendendo l'alprazolam? E il fatto che io ogni tanto stando ferma colgo da qualche giorno guardando le luci accese, come dei tremolii al ritmo del mio battito cardiaco (in pratica mi sento "muovere" la testa come se il battito fosse molto potente, può essere comunque dato da pressione alta?


La ringrazio enormemente
[#5]
Dr. Giulio Malmusi Nefrologo 695 68 1
Diciamo che alla sua età con una pressione entro i 120/80 si sta meglio; e si evita l'insorgere di problemi cardiovascolari negli anni futuri. Se oltre alle misure di buona igiene alimentare e di vita, le dovessero consigliare un farmaco, non abbia timore: oggi disponiamo di farmaci ipotensivi delicati, che non danno effetti collaterali; che possono anche regolarizzare il ritmo cardiaco (i beta bloccanti) o semplicemente tenere normale la pressione esercitando una buona azione preventiva (aceinibitori e sartani...). Ma questo lo sanno bene i suoi curanti; il mio messaggio vuole essere: se le prescrivono un farmaco, non opponga resistenza !

Dr. Giulio Malmusi

[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottor Malmusi,
Non so come ha dedotto che ho qualche problema di riluttanza sui farmaci, ma purtroppo è vero, sono prigioniera dei vari commenti che si sentono di solito sull'essere troppo giovani per dover fare già una cura a vita ecc ecc...
Le faccio i complimenti per la sua empatia, davvero grazie. Proverò a fidarmi di più se mi daranno farmaci all'occorrenza.

Le riporto i risultati delle analisi di cui parlavo, anche se credo siano del tutto nella norma dati i range segnalati:
GLOBULI BIANCHI 9.73 x10^3/ L 4.00 - 10.00
GLOBULI ROSSI 5.05 x10^6/ L 4.00 - 5.40
EMOGLOBINA 14.9 g/dL 12.0 - 16.0
EMATOCRITO 44.7 % 36.0 - 46.0
VOL. GLOBULARE MEDIO-MCV 88.5 fL 80.0 - 98.0
CONT. MEDIO HGB -MCH 29.5 pg 26.0 - 33.0
CONC. MEDIA HGB- MCHC 33.3 g/dL 32.0 - 36.0
IND. DISTRIB. VOL. ERIT.- RDW 12.5 % 10.0 - 14.5
PIASTRINE 339 x10^3/ L 150 - 400
MPV 11.7 fL 7.5- 13.0
FORMULA LEUCOCITARIA
NEUTROFILI 43.9 %
LINFOCITI 44.5 %
MONOCITI 10.1 %
EOSINOFILI 0.9 %
BASOFILI 0.6 %
# NEUTROFILI 4.27 x10^3/ L 1.5 - 7.0
# LINFOCITI H 4.33 x10^3/ L 0.9 - 3.8
# MONOCITI 0.98 x10^3/ L 0.16 - 1.00
# EOSINOFILI 0.09 x10^3/ L 0.00 - 0.80
# BASOFILI 0.06 x10^3/ L 0.0 - 0.2
COMMENTO Note di linfocitosi

MARCATORI DI ANEMIA
s-FERRO
Colorimetrico
106 g/dL 40 - 145
s-ACIDO FOLICO
Chemiluminescenza
3.0 ng/ml >2.3
s-VITAMINA B12-COBALAMINA
Chemiluminescenza
234 pg/mL 180 - 914

ENDOCRINOLOGIA
s-TSH REFLEX
Chemiluminescenza
1.930 UI/mL 0.400 - 4.200
Limiti decisionali per attivazione
reflex: < 0.450 - > 3.500 UI/mL
s-ALDOSTERONE*- ortostatismo
Chemiluminescenza
154 pg/mL 25 - 390
p-RENINA*- ortostatismo
Chemiluminescenza
27.7 U/ml 3.3-41.0

u-MICROALBUMINA < 5.0 mg/g creat. <20
s-SODIO
ISE - Potenziometria indiretta
143 mmol/L 136 - 146
s-POTASSIO
ISE - Potenziometria indiretta
3.9 mmol/L 3.5 - 5.1
s-CALCIO
Colorimetrico
9.8 mg/dL 8.8 - 10.6

u-CREATININA 207 mg/dL 40 - 300
valori approssimativi
s-ACIDO URICO
Enzimatico colorimetrico
6.0 mg/dL 2.6 - 6.0

Mi sembra anche i valori di aldosterone e renina vadano bene, oltre a quelli di sodio e potassio, Lei che ne pensa? Il fatto che il potassio a settembre fosse 4.2 e ora sia 3.9 non è da considerare patologica come discesa giusto?

L'unica cosa che mi preoccupa è che dopo 2 mesi di dieta in cui ho perso 7 kg, il mio colesterolo totale è aumentato da 212 a 225 ma mi rendo conto non sia proprio un argomento di sua competenza.

Mi turba invece il fatto che i linfociti siano davvero alti, e ritorno al mio quesito iniziale: potrebbero essersi alterati con la corsa su e giù per le scale fatta per il prelievo di aldosterone e renina? Lo sforzo magari?
E l'acido urico è nei limiti del valore, cosa significa?

Ps. So bene che il consulto online è di pura informazione e non è ovviamente una diagnosi, ma il mio medico non mi riceve prima di 2 settimane e volevo tranquillizzarmi.
La ringrazio ancora
[#7]
Dr. Giulio Malmusi Nefrologo 695 68 1
Grazie per l'apprezzamento. Commenti agli esami fuori range: c'è una lieve linfocitosi, forse è una oscillazione casuale, forse ha avuto da poco una infezione virale... ma è LIEVE. Il potassio può tranquillamente oscillare, in base a tanti fattori, soprattutto l'alimentazione; il suo valore non è un problema. Il colesterolo, finchè dimagrisce resterà alto, non le so spiegare perchè, ma è una osservazione comune. Infine, l'acido urico: è una delle tante sfaccettature della "sindrome metabolica"; il valore non è assolutamente preoccupante, anche questo andrà a posto rientrando nel peso giusto. Ecco, per colesterolo e acido urico sarebbe presto dare un farmaco; quanto ho detto per la pressione, rimane valido.

Dr. Giulio Malmusi

[#8]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore,

Grazie di nuovo per le risposte super chiare.
Non riesco però a capire questa cosa del colesterolo che invece di abbassarsi si è alzato e non capisco bene cosa vuol dire che resterà alto finché dimagrisco?

Inoltre mi sto preoccupando un po' perché ogni giorno mi peso e mi risulta che ho perso 200 o 500 grammi, il che mi turba dato che non sto ancora facendo tanta attività fisica (sono ferma da una settimana).

Inoltre questo colesterolo così alto soprattutto ldl a 146 mi fa paura. Stanotte ad esempio mi è successa una cosa che mai era successa: ho sentito la gamba sinistra addormentata e al mio tentativo di volerla muovere, la gamba non rispondeva. Si è poi ripresa dopo qualche minuto ma ora la sento pesantissima e come schiacciata da una fascia, e ho paura che il colesterolo alto possa aver provocato una sorta di ischemia. Sono terrorizzata! Sto facendo un sacco di controlli che rilevano poco e niente ma poi mi capitano queste cose e da una settimana mi gira la testa e ho la vista offuscata.

So che questa è un'area di competenza neurologica e credo che posterò il quesito in quella sezione, però sono in balia del panico

Grazie

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test