Utente
Buongiorno, mi è stato riscontrato in corso di accertamenti per fecondazione assistita, uno glioma di basso grado evolutivo di mm18 nella zona insulare destra.
Ho già effettuato tutti gli esami come da prassi, RMN - TAC- PET e SPETTROSCOPIA, anche a distanza di 2 mesi, e al momento la "lesione" risulta essere sempre stabile ed invariata
Non è da operare, in quanto la zona non è delle più belle, ma semplicemente tenere sotto controllo.
La mia domanda è: posso ri-prendere (in teoria iniziare) il mio percorso di fecondazione assistita? Ci sono dei rischi certii che una terapia ormonale possa far aumentare di grandezza o di grado, questo glioma?
O sono solo "rischi" ipotetici, e quindi un problema "umano" e non "medico"
Grazie molte per la disponibilità
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Nicola Marengo

24% attività
8% attualità
12% socialità
CUNEO (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,

Dato per assodato che per il momento l' atteggiamento consigliato di "wait and see" sembra essere quello corretto (naturalmente è più prudente ma anche esso ha i suoi svantaggi in merito ai quali non mi dilungo in questa sede) poco si sa (e per la verità la letteratura in merito è molto controversa) sul possibile aggravamento di un glioma di basso grado in gravidanza. Un recente studio pubblicato nega una correlazione fra la gravidanza ed il peggioramento di grado del tumore ma alcuni studi precedenti ponevano il sospetto che la gravidanza, a causa proprio delle modificazioni ormonali di cui lei parla, fosse in qualche modo responsabile dell' aggravamento repentino di questo tipo di glioma.
E' onestamente una domanda da 1 milione di euro!
L' aspetto umano e la voglia di generare una nuova vita penso che debbano comunque farla da padrone in questa non banale scelta.
Spero di esserle stato utile. Auguri per tutto!
Cordialmente,
Dr. Nicola Marengo
nicolamarengo@icloud.com
AOU Cittá della Salute e della Scienza di Torino